CELLS – La Russia sviluppa una rete blockchain per competere con SWIFT – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.8/5 - (22 votes)

Se c’è una cosa evidente che il conflitto in Ucraina ha portato alla ribalta, è la guerra valutaria che anima il nostro mondo moderno. Proprio come i mezzi di pagamento internazionali, dai quali è possibile escludere alcuni Paesi sotto la copertura di sanzioni. Al centro di questa dinamica c’è la rete SWIFT, che ha portato alla totale esclusione della Russia. Da allora, il Bitcoin e le criptovalute sono stati presentati come alternative decentralizzate o strumenti al soldo del Cremlino. Ma tutto questo potrebbe cambiare rapidamente con l’implementazione della piattaforma CELLS, basata sulla tecnologia blockchain.

L’attuale crisi geopolitica ha portato alla ribalta il Bitcoin come possibile alternativa alle sanzioni internazionali. La Russia cerca di vendere le sue materie prime con ogni mezzo, nonostante i blocchi valutari imposti nei suoi confronti. Un equilibrio di potere che pone le criptovalute come elemento inaspettatamente dirompente su questo scacchiere globale. Il principale valore aggiunto è la creazione di reti impossibili – o almeno più complicate – da censurare unilateralmente.

Una caratteristica offerta dalla tecnologia blockchain. E chiaramente un sistema in grado di competere con le attuali reti di pagamento come la famigerata SWIFT. Quest’ultimo è già considerato destinato a scomparire entro pochi anni, secondo il CEO di MasterCard. La questione è sapere a favore di quale tipo di alternativa. E ovviamente la Russia sembra aver trovato un’opzione concreta, con lo sviluppo della piattaforma CELLS.

CELLS – Una rete di pagamento blockchain

I tempi di crisi sono spesso quelli in cui le innovazioni vengono costruite in fretta e furia per soddisfare un’esigenza specifica. La domanda è se il servizio fornito sarà ancora utile una volta che la situazione sarà tornata alla normalità. E questo è esattamente ciò che sembra stia accadendo in Russia. Questo con l’istituzione di una rete di pagamento orientata a livello internazionale, sviluppata dal conglomerato nazionale e tecnologico russo Rostec. Questo sistema è stato presentato senza mezzi termini come progettato per aggirare i divieti emessi da SWIFT. Ma anche di facilitare i pagamenti internazionali in rubli, offrendo al contempo un’opzione per le valute digitali.

CELLS consentirà il regolamento nelle valute nazionali, eliminerà i rischi associati alle sanzioni e garantirà ai suoi utenti l’indipendenza della politica finanziaria nazionale. (…) Un sistema di pagamento digitale basato su una piattaforma blockchain può essere utilizzato come un vero e proprio sostituto di SWIFT, fornendo transazioni ad alta velocità, sicure e irrevocabili.. “

Oleg Yevtushenko, direttore esecutivo di Rostec

Il suo nome in codice è CELLS. Si tratta di una piattaforma di pagamento basata sulla tecnologia blockchain. Quest’ultimo è stato presentato da Rostec come “una vera alternativa a SWIFT nei regolamenti internazionali”. Un servizio sviluppato dal Novosibirsk Institute of Program Systems (NIPS) che dovrebbe supportare pagamenti multivaluta, valute digitali e gestione delle identità per i suoi utenti. Con una capacità di elaborazione stimata di 100.000 transazioni al secondo (TPS).

CELLS – Una Blockchain nazionale russa?

Ma la piattaforma CELLS sembra destinata a molto di più. I suoi progettisti spiegano che questa blockchain nazionale potrebbe essere utilizzata anche per archiviare dati, creare applicazioni web o creare passaporti digitali. Tutti questi sviluppi lasciano pensare che ci sia spazio per un effettivo decentramento. E assomiglia molto alla versione cinese della Blockchain-based Services Network (BSN), che dovrebbe rivoluzionare il mondo quando sarà lanciata… nel 2020.

In ogni caso, l’obiettivo sembra ovvio. Questa rete CELLS vuole (ri)aprire le porte dei pagamenti internazionali alla Russia, che attualmente è tagliata fuori dal resto del mondo. E questo con l’aiuto di valute come il rublo, o anche lo yuan digitale che attualmente sta facendo tremare gli Stati Uniti. Ma anche le criptovalute, che fino a pochi mesi fa erano considerate dal Cremlino nemiche dell’economia russa. E tutto questo con una tecnologia blockchain prevista come mezzo per aggirare le sanzioni emesse contro la Russia. Ma certamente si è sviluppato per consentire un controllo unilaterale da parte del governo. Un caso da seguire…

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.