Bitcoin Valley – Una città dell’Honduras accetta i pagamenti in BTC – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
5/5 - (13 votes)

Le iniziative per integrare il Bitcoin come mezzo di pagamento stanno crescendo in tutto il mondo. Questo vale sia che si tratti di un intero Paese, come El Salvador, sia che si tratti di multinazionali che non vogliono perdere il treno. Le loro ambizioni sono talvolta molto diverse, ma hanno tutte una cosa in comune: accettare il BTC come valuta a sé stante. Un’eresia per le autorità di regolamentazione e le altre banche centrali, che stanno costruendo barricate per bloccarne lo sviluppo. Ma questo non ha impedito alla piccola città turistica di Santa Lucia, in Honduras, di diventare il primo hub nazionale delle criptovalute con il lancio della “Bitcoin Valley”.

La regola è semplice e riconosciuta dagli stessi esperti: la regolamentazione di un’innovazione è sempre in ritardo rispetto al suo sviluppo e alla sua adozione. Un fatto a cui il Bitcoin, come l’intero mercato delle criptovalute, non è immune. Con un’adozione sempre maggiore, anche in un mercato ribassista. E iniziative che rivendicano sempre più l’uso del BTC come mezzo di pagamento a tutti gli effetti. Tutto questo senza preoccuparsi di sapere se gli enti regolatori gli hanno ufficialmente concesso questo status.

Posizioni molto diverse, tra il rifiuto dell’egemonia del dollaro da parte dei paesi emergenti e il desiderio di non perdere la prossima fase dell’evoluzione monetaria per le grandi imprese. A metà strada tra questi due estremi, ci sono iniziative più modeste e locali, come l’avventura di Bitcoin Beach in El Salvador. Un’adozione della modalità di “economia circolare” che sembra sperimentarsi con la piccola città di Santa Lucia, Honduras.

Bitcoin Valley – Nuovo centro Bitcoin in Honduras

Vale comunque la pena di esaminare le informazioni, anche se tra qualche anno saranno sicuramente di uso comune. Questa è una chiara prova della giovinezza del mercato dei Bitcoin e del settore delle criptovalute nel suo complesso. Infatti, la città turistica di Santa Lucia ha appena annunciato un programma chiamato “Bitcoin Valley”.” . Questo per consentire ai suoi commercianti di accettare pagamenti in BTC. Secondo i media locali La Prensa, questa è la quarta destinazione centroamericana a offrire questo servizio. Seguono El Zonte Beach (Bitcoin Beach), il governo di El Salvador, il Lago Atitlan (Bitcoin Lake) in Guatemala e la città di El Puntarenas (Bitcoin Jungle) in Costa Rica.

Tuttavia, questo progetto della Bitcoin Valley non ha nulla a che fare con il governo honduregno. Quest’ultima esitava fino a pochi mesi fa a rendere il Bitcoin la sua valuta ufficiale, ma al momento in cui scriviamo non aveva ancora fatto il grande passo. In effetti, questo è un caso di un’iniziativa locale guidata da ambizioni prevalentemente turistiche. Anche se l’aspetto dell'”economia circolare” viene affrontato, più per ragioni di marketing che per motivi veramente ideologici. Almeno così suggerisce César Andino, direttore del centro commerciale Los Robles di Santa Lucia.

A Santa Lucia parteciperemo tutti a questo progetto. Accettando Bitcoin si aprirà un nuovo mercato e si otterranno più clienti. Dobbiamo pensare in modo globale. Non possiamo chiuderci alla tecnologia e non possiamo rimanere indietro quando altri Paesi lo stanno già facendo.. “

César Andino

Bitcoin Valley – Attirare i cripto-turisti in Honduras

Perché il progetto Bitcoin Valley è soprattutto una calamita internazionale per i possessori di bitcoin. L’obiettivo principale, secondo César Andino, è “aprire più opportunità e attirare più persone che vogliono usare questa moneta”. Iniziando con la formazione di una sessantina di aziende locali in commercializzare i propri prodotti e servizi in cambio di criptovalute. E l’uso di terminali di pagamento appositamente progettati per accettare BTC come mezzo di pagamento.

Il tutto con la partecipazione dell’organizzazione Blockchain Honduras e di la gestione tecnica della borsa di criptovalute guatemalteca Coincaex. Ma anche l’Università Tecnologica Nazionale, che forma gli studenti in corsi di crittografia, e naturalmente il comune di Santa Lucia. Tuttavia, I pagamenti in BTC all’interno di questa Bitcoin Valley saranno immediatamente convertiti in valuta locale.. Questo per “eliminare i rischi di fluttuazione delle criptovalute”, secondo Leonardo Paguada, fondatore dell’organizzazione Blockchain Honduras. E “i proprietari di aziende non riceveranno Bitcoin”. Tutti vedranno – o meno – un’effettiva adozione del Bitcoin come moneta…
Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.