Bitcoin – Secondo quanto riferito, il governo degli Stati Uniti è una delle maggiori balene in BTC

Bitcoin - Secondo quanto riferito, il governo degli Stati Uniti è una delle maggiori balene in BTC
⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
Donnez une note

La distribuzione delle unità di bitcoin, già ampiamente minate, è sotto costante esame. Va detto che la limitazione della sua fornitura a 21 milioni di unità in totale, sta attirando l’interesse, secondo un principio di scarsità molto efficace. Infatti, all’ultimo conteggio, ci sono ora 1 milione di indirizzi che possiedono almeno 1 BTC completo, ovvero 190.000 wholecoiner in più dall’inizio di febbraio 2022

Allo stesso tempo, la proporzione di balene con più di 1000 BTC sul banco (circa 27 milioni di dollari) è rimasto stazionario dal 2017 a circa 2000 esemplari in media.

Ciononostante, alcuni attori sembrano essere molto avidi in questo campo, come l’azienda MicroStrategy, il cui reddito supera la sconcertante cifra di 140.000 BTC. Ma questo accumulo è chiaramente parte di un approccio massimalista e un po’ eccessivo, mentre il governo degli Stati Uniti non fa affatto parte di questa dinamica.… con i suoi 50.000 BTC.

Regolamento

DeFi – La SEC affronta il mercato decentralizzato delle criptovalute

NotizieCriptovalute.it – 15 Apr 2023 – 14:00

Allo stato attuale, il regolamento del […]

Leggi tutto

Bitcoin – Gli Stati Uniti detengono 50.000 BTC

I grandi detentori di BTC – più di 10.000 unità – si contano sulle dita di una mano. Tra di loro ci sono personaggi iconici dell’ecosistema delle criptovalute, come Changpeng Zhao (CZ), il multimiliardario fondatore della piattaforma Binance.

Tuttavia, spesso accumulano i loro fondi digitali secondo una strategia di tipo HODLcioè con l’obiettivo di un’eventuale rivendita a lungo (molto) termine. E qualunque cosa accada, il desiderio di non far precipitare il mercato, anche se la loro posizione può consentire loro di manipolare il prezzo. a loro vantaggio.

Ecco perché queste balene – anche quelle massimaliste del BTC – rappresentano un vero problema per la decentralizzazione e l’effettiva indipendenza del mercato del Bitcoin… e delle criptovalute nel loro complesso. A maggior ragione quandoun portafoglio stimato in 50.000 BTC è sotto il controllo diretto del governo statunitense.

Bitcoin

Di fronte alle preoccupazioni delle banche statunitensi, che ne sarà del Bitcoin?

Nathalie E. – 03 maggio 2023 – 14:58

Da marzo il settore bancario statunitense si è indebolito. Diversi […]

Leggi tutto

Bitcoin – Dobbiamo preoccuparci della balena statunitense?

In effetti, il governo degli Stati Uniti ha in mano questo jackpot digitale come risultato di una sequestro in relazione al famigerato mercato darknet Silk Road, stimato in 3,36 miliardi di dollari quando è stato ufficializzato nel novembre dello scorso anno. Una somma colossale che potrebbe destabilizzare il mercato dei Bitcoin per molto tempo, secondo alcuni analisti preoccupati.

Basti pensare al panico scatenato da un “problema di tagging” sulla piattaforma Arkham dedicata alla pubblicazione di informazioni di mercato il 26 aprile scorso. In quell’occasione infatti, i dati sulla catena sembravano indicare un movimento in questo portafoglio detenuto dal governo degli Stati Uniti. Ma questa informazione è stata presto smentita, non senza aver fatto scendere il BTC sotto i 28.000 dollari. Infatti, come spiega Gordon Grant, co-responsabile del trading di Genesis Trading, “le azioni del governo statunitense nei confronti del bitcoin continueranno a essere osservate con estrema attenzione”.

Grazie al grado di trasparenza della blockchain, la capacità di monitorare i movimenti di queste partecipazioni concentrate è molto maggiore rispetto a quella di altri attori statali che, sebbene di dimensioni comparabili, non sono altrettanto osservabili. Pertanto, in termini di scala, importanza psicologica e accuratezza quantitativa, le azioni del governo statunitense con il bitcoin rimarranno estremamente osservate.

Gordon Grant

Bitcoin

Il governo USA intende vendere 41.500 BTC sequestrati da Silk Road

Nathalie E. – 01 Apr 2023 – 10:28

Dopo una vendita di circa 9800 BTC all’inizio di marzo, le autorità americane […]

Leggi tutto

Per le dimensioni di questo portafoglio, presentato da Gordon Grant come uno “spaventapasseri ansiogeno”.La rivendita massiccia di questi bitcoin avrebbe l’effetto di rendere le autorità federali statunitensi più vulnerabili agli effetti della crisi finanziaria globale. In effetti, la rivendita massiccia di questi bitcoin avrebbe “far esplodere il mercato dei BTC”.

Ma a suo parere la loro strategia sembra più “tattica”, soprattutto perché è completamente trasparente grazie alla blockchain. E come spiega il media The Block, fonti vicine alla questione affermano che il governo degli Stati Uniti starebbe utilizzando la piattaforma Coinbase per vendere i suoi BTC.. Questa informazione non è stata confermata dalla borsa. Un caso da seguire con attenzione…

Se siete alla ricerca di un rifugio sicuro in tempi incerti, non cercate altro che il Bitcoin. Iscriviti a la piattaforma Bybit per investire in modo sicuro, godendo di uno sconto a vita sulle commissioni di trading (link commerciale)

Protected by Copyscape

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.