Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 21 novembre 2022 – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.8/5 - (22 votes)

Mentre il contagio del fallimento di FTX si diffonde nel settore delle criptovalute, Bitcoin ed Ethereum vedono i loro rispettivi supporti minacciati per sempre. Non potendo più contare momentaneamente sul calo del dollaro e sulla tregua dei rendimenti obbligazionari, sembrano essere più vicini ad una nuova ondata di correzione che ad una remontada che potrebbe mettere sotto pressione i venditori.

Le ultime analisi tecniche non incoraggiano l’ottimismo. Soprattutto perché la FED ha sempre confermato che continuerà a stringere finché l’inflazione non sarà sotto controllo. Un cambiamento da parte sua non sarebbe all’ordine del giorno. Ma il recente aumento degli indici azionari suggerisce il contrario. A tal punto che i mercati finanziari sono disposti a sfidare la Non combattete la FED.

In un clima pieno di punti interrogativi, diamo un’occhiata più da vicino ai possibili scenari dei prezzi di BTC e ETH per questa settimana e oltre.

Bitcoin in unità settimanali – Presto sotto i 16.000 dollari?

Il pericolo di scendere sotto i 16.000 dollari non si è fatto attendere. E a ragione, all’inizio della settimana il Bitcoin ha fatto un’incursione furtiva al di sotto di questo livello, prima di tornare leggermente al di sopra al momento in cui scriviamo. Ma in ogni caso, i venditori non vorrebbero aspettare la fine di novembre per incassare il colpo.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 21 novembre 2022

Tecnicamente parlando, questi ultimi, che qualche settimana fa erano indecisi, ora avrebbero segnali che indicano una terza ondata di correzione del BTC dall’ultimo ATH del novembre 2021. Innanzitutto, l’attraversamento della linea discendente non ha sortito l’effetto desiderato. Siamo quindi costretti a riadattarlo leggermente in base agli ultimi movimenti del mercato.

Secondo, La Fase 4 di Weinstein mostra una forma eccellente Con grande disappunto degli investitori in criptovalute. Proprio il momentum ribassista della media mobile a 30 settimane (MM30 weekly) non ha mostrato alcun segno di attenuazione. Con la prospettiva di raggiungere i 20.000 dollari.

Infine, se gli indicatori tecnici sono chiaramente al di sotto delle rispettive linee di galleggiamento, manca solo un crossover al ribasso del MACD dal segnale. In questo modo la testa degli acquirenti verrebbe definitivamente sommersa dall’acqua.

Se il livello di 16.000 dollari dovesse cedere, il mercato orso del Bitcoin subirebbe un’accelerazione verso il basso. Con l’obiettivo che i prezzi raggiungono i 12.000 dollari di supporto. Ma come abbiamo detto venerdì scorso, temiamo che questo potenziale di ribasso sia solo un antipasto per i venditori.

D’altra parte, e date le circostanze del fallimento di FTX, supporto sui 16.000 dollari potrebbe riportare il BTC verso i 20.000 dollari. o l’ATH del 2017 quando le acque si saranno calmate.

Ethereum in unità settimanali – 1.200 dollari stanno per cedere?

Dopo i rispettivi fallimenti della rottura della linea discendente, della resistenza a 1700 dollari e della MM30 settimanale, Si dice che Ethereum sia sul punto di superare il supporto dei 1200 dollari. Soprattutto perché abbiamo avuto perdite di una conversione da ETH a BTC dalle Bahamas che potrebbero spiegare l’attuale movimento al ribasso. E allo stesso tempo, stiamo osservando febbrilmente una possibile conferma dell’incrocio ribassista sul MACD in relazione al segnale.

Analisi settimanale dei prezzi di Ethereum - 21 novembre 2022

Nella misura in cui questo potenziale segnale sfavorevole si aggiunge alla fase 4 di Weinstein, i venditori non vedrebbero necessariamente di buon occhio un ritorno al supporto dei 1000 dollari. Una rottura di quest’ultimo valore spingerebbe i prezzi dell’ETH verso 700 o addirittura 450 dollari. In definitiva, ciò rappresenterebbe un calo di oltre il 90% rispetto all’ultimo ATH del novembre 2021.

Al contrario, un ritorno sopra i 1200 dollari e un falso cross ribassista sul MACD sosterrebbero le speranze di fermare l’emorragia di Ethereum dall’inizio del mese. Se ciò dovesse accadere, il prossimo rimbalzo dovrebbe essere più convincente di quelli precedenti. Con il rischio che gli acquirenti rimangano delusi per l’ennesima volta.

BTC e ETH – Acquirenti in difficoltà!

Osservando gli ultimi grafici settimanali di Bitcoin ed Ethereum, difficilmente daremmo agli acquirenti la possibilità di tornare in pista. Non solo i loro mercati orso stanno entrando in funzione. Ma Più ci addentriamo nelle potenziali conseguenze del fallimento di FTX, più la crisi di fiducia nelle criptovalute crescerà per qualche tempo.

A peggiorare le cose, il rialzo dei principali indici azionari, potrebbe non piacere alla FED. Anzi, rischierebbe di alimentare l’effetto ricchezza delle famiglie americane, sostenendo così la spesa dei consumatori e l’occupazione. Questo è un aspetto che la banca centrale statunitense non vorrebbe nella sua lotta contro l’inflazione. E questo è il motivo per cui rischierebbe di deludere le aspettative del mercato su un cambiamento della politica monetaria alla prossima riunione.

Pertanto, se la FED manterrà la sua linea dura alla fine dell’anno e fino al 2023, i Bitcoin ed Ethereum, sensibili alla liquidità, sarebbero ancora sotto pressione. In questo caso, la probabilità di nuovi minimi dell’anno aumenterebbe drasticamente. Soprattutto se il dollaro e i rendimenti obbligazionari dovessero riprendere le rispettive tendenze al rialzo.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *