Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 17 ottobre 2022 – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (14 votes)

È uno status quo che persiste da metà settembre. In effetti, il Bitcoin e l’Ethereum navigano rispettivamente intorno ai 20.000 e ai 1400 dollari. E gli acquirenti cercano di mantenere a tutti i costi questi livelli critici, ma anche simbolici. Per la precisione, corrispondono a colpo d’occhio ai precedenti ATH.

Date le attuali incertezze che continuano a gravare sui mercati finanziari, potremmo chiederci se la calma piatta di BTC e ETH non sia un’illusione. In questo modo si preparano le basi per una nuova ondata di correzione. Ma per il momento l’atteggiamento attendista è in pieno svolgimento, in assenza di catalizzatori che possano innescare nuove ondate.

Vediamo ora cosa potrebbe esserci in serbo per voi l’ultima analisi tecnica delle prime due criptovalute da una prospettiva immediata e poi a medio-lungo termine.

Bitcoin in unità settimanali – Non date per scontato il possibile incrocio della linea discendente

Il Bitcoin ha appena completato la quarta settimana consecutiva intorno al supporto di 20.000 dollari. Tanto che molti investitori si spazientiscono o muoiono di noia. Tuttavia, non devono perdere di vista il fatto che il mercato ribassista che ha seguito l’ultimo ATH nel novembre 2021 potrebbe riprendere in qualsiasi momento. Soprattutto perché non abbiamo visto massimi più alti sul grafico settimanale per un bel po’ di tempo.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 17 ottobre 2022

E mentre un breakout dei prezzi oltre la linea discendente rientrerebbe nel range a favore degli acquirenti, Lo stadio 4 di Weinstein rischia di non ritirarsi per qualche tempo. Inoltre, la media mobile a 30 settimane (MM30 settimanale) potrebbe scendere sotto la resistenza di 26.000 dollari.

Nell’ipotesi di un ritorno al livello di 20.000 dollari con un movimento al di sopra della linea discendente, non si deve concludere che tutto si risolverà come se nulla fosse. Tuttavia, quest’ultima avrebbe il merito di calmare nuovamente la pressione di vendita. E perché non considerare una struttura dei prezzi che porti a un doppio fondo intorno ai 26.000 dollari.

Al contrario, un rifiuto finale sotto i 20.000 dollari lascerebbe presagire un esito che il consenso non vorrebbe vedere. Con la possibilità che I prezzi del BTC scenderebbero verso il supporto di $12.000che è il livello che ha rilanciato definitivamente l’ultimo bullrun a 69.000 dollari.

Ethereum in unità settimanali – Ancora vicino al 2018 ATH

Per quanto riguarda Ethereum, rimane leggermente al di sotto della resistenza di 1400 dollari, non lontano dal TAV del 2018. Ma lo stoppino basso della candela della scorsa settimana indicherebbe un certo nervosismo da parte di molti investitori in criptovalute. Fortunatamente, si è trattato solo di un piccolo avvertimento prima che i prezzi dell’ETH rientrassero nel ristretto intervallo tra il supporto di 1250 dollari e la resistenza di 1400 dollari.

Analisi settimanale dei prezzi di Ethereum - 17 ottobre 2022

Allo stesso tempo, La Fase 4 di Weinstein continua il suo treno settimanale, che ci piaccia o no. In effetti, la MM30 settimanale, che a sua volta si muove parallelamente alla linea discendente del bearrun, scivolerebbe al di sotto della resistenza di 1700 dollari, salvo sorprese. Ma d’altra parte, gli indicatori tecnici cercano di non affondare come il MACD, che per il momento non incrocia il segnale al ribasso.

Nell’ipotesi di un’impennata al di sopra dei 1400 dollari, i prezzi di Ethereum avrebbero la possibilità di sfondare la linea discendente. Con l’obiettivo di tornare a contatto con i 1700 dollari per la terza volta nel giro di due mesi. Questo coinciderebbe contemporaneamente con l’affrontare il MM30 settimanale.

Nel caso in cui i venditori vincano definitivamente la battaglia, il supporto di 1.000 dollari vicino ai minimi dell’anno sarebbe in vista. E se il Bitcoin dovesse dire addio alla soglia dei 20.000 dollari, questo obiettivo potrebbe essere una tappa intermedia verso una nuova ondata di correzione verso il supporto di 700 dollari.

BTC e ETH – Molto lavoro da fare per rompere i loro mercati ribassisti

Per il momento, rimaniamo indecisi su Bitcoin ed Ethereum. Ma le loro tendenze strutturali rimangono profondamente ribassiste fino a quando non vedremo manifestazioni concrete oltre la loro resistenza. Inoltre, ciò richiederebbe guadagni a più cifre per compensare le perdite dell’ondata correttiva della scorsa primavera.

Non solo, i vari scandali nel settore delle criptovalute e il ritiro della liquidità da parte della FED non contribuirebbe ad allentare le tensioni. Ma, sono sufficienti a creare una crisi di fiducia che non scomparirà presto. In queste circostanze, il massimo che possiamo sperare per BTC ed ETH è di ritardare la ripresa dei loro mercati ribassisti.

Tuttavia, le buone notizie a cui gli investitori si aggrapperebbero sono attualmente minori rispetto alle attuali incertezze dei mercati finanziari. Pertanto, non è da escludere una terza ondata di correzione nelle prime due criptovalute. Tanto più che un consolidamento dell’industria delle criptovalute sembrerebbe necessario per favorirne lo sviluppo.

Ma mentre parliamo, temiamo che possa fare la fine di un fiasco, come è successo durante la bolla di Internet nei primi anni 2000. In questo caso, considerare nuovi minimi dell’anno per Bitcoin ed Ethereum nell’ultimo trimestre dell’anno non sarebbe uno scenario così inverosimile, visti i fondamentali a nostra disposizione.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *