Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 10 ottobre 2022 – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.8/5 - (26 votes)

 

Tra poche settimane, purtroppo, le monete Bitcoin ed Ethereum festeggeranno il loro primo anno di vita. Che piaccia o no, riflettono logicamente l’accelerazione della stretta monetaria da parte delle banche centrali in seguito alle pressioni inflazionistiche, che di per sé non stanno perdendo intensità. Ciò induce attualmente gli investitori a rimanere cauti nei confronti delle classi di attività più sensibili alla liquidità.

Sebbene le due criptovalute più importanti continuino a non rompere i rispettivi supporti, gli acquirenti non riescono ad avere la meglio sui venditori a causa delle numerose incertezze presenti sui mercati finanziari. A questo proposito, la buona notizia che dobbiamo accontentarci, non sono sufficienti a soddisfare nuovi rimbalzi tecnici che potrebbero eventualmente posticipare la scadenza dei rispettivi mercati orso.

Vediamo ora le ultime analisi tecniche di BTC ed ETH per questa settimana che si preannuncia tesa.

 

Bitcoin – Ancora nella fase 4 di Weinstein nonostante il possibile segnale tecnico favorevole

Come di consueto da metà settembre (o addirittura da metà giugno), il Bitcoin si aggira intorno alla soglia dei 20.000 dollari. Dal punto di vista simbolico e tecnico, gli acquirenti sanno che questo è un supporto cruciale per sperare di frenare il mercato orso. Se non fosse che gli ultimi movimenti di prezzo ci mostrano la febbre di tutti gli attori del mercato. Questi ultimi si trovano disorientati di fronte al deterioramento del contesto di mercato.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 10 ottobre 2022

Nonostante la possibilità di un breakout del prezzo del BTC al di sopra della linea discendente, La Fase 4 di Weinstein rimane ancora attuale. Da un lato, abbiamo ancora massimi e minimi inferiori dall’ultimo ATH del novembre 2021. D’altra parte, la media mobile a 30 settimane (MM30 weekly) si sta muovendo significativamente al ribasso, nonostante la correzione rialzista estiva.

Si ipotizza un ritorno al livello di 20.000 dollari con un movimento al di sopra della linea discendente, la rotta verso la resistenza di 26.000 dollari rischierebbe di confrontarsi contemporaneamente con la MM30 settimanale al ribasso. Soprattutto perché abbiamo un precedente a fine marzo con resistenza a 46.000 dollari. Il fallimento al di sotto di questo livello precedente ha provocato una perdita di oltre il 60% della valuta digitale di Satoshi Nakomoto.

Al contrario, la rottura di 20.000 dollari confermerebbe una terza ondata di correzione verso 12.000 dollari. E il minimo che si possa dire è che questo non sarebbe un oltraggio in sé. Con i fondamentali e i dati tecnici con cui abbiamo lavorato finora.

Ethereum – Prezzi intorno al 2018 ATH

Se può essere di conforto a molti investitori in criptovalute, Ethereum non è tornato dai minimi dell’anno. E per una buona ragione, si aggira intorno al 2018 ATH. Tuttavia, il nuovo slancio verso l’alto è lento ad arrivare, anche se è sfuggito un crossover MACD ribassista nelle unità settimanali.

Analisi settimanale del prezzo di Ethereum - 10 ottobre 2022

Proprio come il Bitcoin, La Fase 4 di Weinstein potrebbe ancora giocare brutti scherzi nel prossimo futuro. In effetti, la MM30 settimanale sta mantenendo il suo slancio ribassista. Ancora peggio, si sta muovendo parallelamente alla linea discendente. Ciò attesterebbe la forza della pressione di vendita. Con il senno di poi, le ultime due incursioni al di sopra del livello di resistenza di 1700 dollari si sono rivelate falsi segnali di acquisto.

Pertanto, gli acquirenti, scottati da questi episodi precedenti, non vorranno farsi avanti di nuovo finché non ci sarà un chiarimento chiaro e inequivocabile sulle attuali incertezze dei mercati finanziari. In questo senso, l’ipotesi che i prezzi dell’ETH scendano verso i minimi dell’anno, non lontano dal supporto di 1.000 dollari, tornerebbe in gioco. A condizione che i venditori si basino su catalizzatori ben fondati.

Nella speranza di posticipare la ripresa del mercato ribassista dall’ultimo ATH del novembre 2021, un ritorno sopra i 1400 dollari fornirebbe un terzo tentativo di sfondare i 1700 dollariche presto si sarebbe avvicinato alla linea di discesa. Tuttavia, la MM30 settimanale potrebbe fungere da resistenza se Ethereum tentasse di uscire da un livello importante della sua ultima corsa al rialzo.

BTC e ETH – Mai contrastare la tendenza

Quest’anno non è riuscito a fare altri massimi rispetto a quelli precedenti, i mercati ribassisti del Bitcoin e dell’Ethereum continuano a bloccarsi, nonostante l’allungamento della tregua all’inizio dell’autunno. Da qui l’importanza che gli investitori in criptovalute non vadano controcorrente o rischino di perdere altre piume. Il fatto che BTC ed ETH siano scesi enormemente non significa che questa sia un’opportunità di acquisto a buon mercato.

Non solo il danno è maggiore di quanto pensassimo perché la FED sta combattendo un’inflazione che non si vedeva da quattro decenni. Ciò la costringerebbe di fatto ad accelerare la stretta monetaria. E non importa se questo avrebbe portato prima o poi a una recessione. Ma a peggiorare le cose, la banca centrale statunitense non ha alcun controllo su fattori esterni come i conflitti geopolitici e la crisi energetica.

In ogni caso, le nubi si addensano ancora all’orizzonte per Bitcoin ed Ethereum. E finché il fattore dollaro forte rimarrà invariato, potrebbero materializzarsi nuovi minimi dell’anno nei loro confronti. A tal punto da seguire la tradizione dei precedenti mercati ribassisti delle criptovalute. In questo caso, sarebbe possibile tornare a un BTC a quattro cifre e a un ETH a tre cifre rispettivamente.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *