Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 07 novembre 2022 – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.8/5 - (14 votes)

E se stessimo assistendo a un vero e proprio cambiamento di tendenza. In effetti, il fatto che il Dollar Index (DXY) sia in fase di stallo dalla fine di settembre ha incoraggiato uno spettacolo pirotecnico nelle classi di attività rischiose in ottobre. In questo senso, Bitcoin ed Ethereum si sono rinvigoriti rispettivamente da 20.000 e 1400 dollari per la gioia degli investitori in criptovalute.

Analisi giornaliera dei prezzi del Dollar Index - 07 novembre 2022

Da qui a considerare che il grosso dei loro mercati ribassisti dall’ultimo ATH del novembre 2021 sarebbe alle spalle, ci sono ancora molti ostacoli da superare. Con il rischio di una grande delusione, il prezzo scende di nuovo come in agosto e settembre. Anche se i loro minimi dell’anno non sono stati rivisti.

E al momento in cui scriviamo, le prime due valute digitali sono in uno stato di indecisione in cui la mancanza di liquidità delle banche centrali si fa ancora sentire. In un mercato affollato di incertezze ad ogni angolo, rivediamo la loro analisi tecnica in unità settimanali per anticipare i diversi scenari futuri.

Bitcoin in unità settimanali – Verso il MM30 settimanale?

L’ultima volta che il Bitcoin si è trovato a contatto con la media mobile a 30 settimane (MM30 weekly), ha subito un’enorme ondata di correzione che ha portato a un crollo di quasi il 64% della sua capitalizzazione di mercato. Il fatto che il prezzo si stia avvicinando a questo valore sarebbe considerato una buona notizia. Ma attenzione all’intransigenza della Fase 4 di Weinstein, che farebbe svanire le speranze di un inizio di inversione di tendenza.

Analisi settimanale del prezzo del Bitcoin - 07 novembre 2022

Precisamente, la MM30 settimanale segue continuamente la sua discesa al di sotto delle resistenze o dei precedenti supporti. Se il rimbalzo dovesse continuare, gli investitori non dovrebbero entusiasmarsi troppo. Come abbiamo detto in diverse occasioni, il fatto che il prezzo di un’attività sottostante che si muove al di sopra di una media mobile principale, che a sua volta si trova in una tendenza al ribasso, genererebbe spesso un falso segnale di acquisto.

Tanto più che l’attuale periodo di tensione sui mercati finanziari si presterebbe a concretizzare il contro-acquisto. Pertanto, se i prezzi del BTC dovessero raggiungere la resistenza di 26.000 dollari, sapremmo di più sulla qualità del rimbalzo dalla settimana del 24 ottobre.

Il primo scenario metterebbe sotto pressione i venditori con un potenziale doppio fondo a 26.000 dollari. In questo caso, il Bitcoin potrebbe raggiungere la zona di prezzo di 30.000-35.000 dollari. Per quanto riguarda il secondo scenario, la rottura dei 20.000 dollari (o dell’ATH 2017) ci porterebbe alla nascita di una terza ondata di correzione verso il supporto dei 12.000 dollari. Il che non sarebbe illogico, visto l’attuale anno negativo del mercato delle criptovalute.

Ethereum in unità settimanali – L’attraversamento della linea discendente non è ancora confermato

Sebbene Ethereum abbia ampiamente rimbalzato dal supporto di $1400 (o 2018 ATH), attualmente si trova sotto la MM30 settimanale e la resistenza di 1700 dollari. Allo stesso tempo, l’attraversamento della linea discendente non è ancora stato completato. Da qui, ancora una volta, l’intransigenza della Fase 4 di Weinstein, che molti investitori sottovalutano.

Analisi settimanale dei prezzi di Ethereum - 07 novembre 2022

A proposito le ultime due candele in unità settimanali mostrerebbero alla fine la difficoltà dei prezzi dell’ETH a superare i 1700 dollari. Come promemoria, questo livello critico ha interrotto i due rimbalzi precedenti, uno dei quali è valso un’incursione furtiva vicino ai 2000 dollari. Se guardiamo solo al grafico, Ethereum potrebbe neutralizzare il suo mercato ribassista dall’ultimo ATH del novembre 2021. A condizione che raggiunga un massimo superiore a quello dello scorso agosto.

In questa ipotesi, sarebbe necessario che i prezzi fossero quotati al di sopra dei 2.000 dollari. Questo convaliderebbe l’attraversamento della linea discendente e la soglia dei 1700 dollari. Due segnali tecnici favorevoli che aprirebbero la strada a 2300 dollariche è l’ultimo basso del gamma o canale orizzontale. Al contrario, un terzo fallimento al di sotto di 1.700 dollari farebbe scattare il ritorno all’ATH del 2017. Ma se quest’ultimo dovesse rompersi, i prezzi rischierebbero di ritestare i minimi dell’anno, non lontano dal supporto di 1.000 dollari.

BTC e ETH – I venditori si faranno prendere dal panico?

Ottobre sembra essere un mese di speranza per le criptovalute. Tuttavia, il rimbalzo di Bitcoin ed Ethereum deve essere contestualizzato. Da un lato, hanno beneficiato del calo del DXY, che a sua volta si trova in una tendenza fondamentale al rialzo. D’altro canto, gli investitori continuano a sfidare la FED nonostante i commenti di Jerome Powell, che non sarebbe favorevole a un cambiamento della politica monetaria.

Tuttavia, questo è sufficiente per ora a far dubitare i venditori. Affinché si facciano prendere dal panico, il DXY dovrebbe rompere il supporto di 110 al ribasso. Da lì, la speranza che BTC ed ETH salgano fino alla fine dell’anno acquisterebbe forza. Non solo recupereremmo parte delle perdite causate dall’ondata correttiva della scorsa primavera. Ma ancora meglio, i segnali tecnici favorevoli verrebbero ampiamente convalidati.

Per tutto questo, la prospettiva che l’inflazione non scenda in modo significativo non è da escludere. Abbiamo infatti già notato cheun importante consolidamento delle materie prime non ha avuto l’effetto desiderato sui precedenti dati dei prezzi al consumo sia negli Stati Uniti che in Europa.

Pertanto, la FED e la BCE potrebbero ancora alzare i tassi di riferimento nonostante il potenziale arrivo di una recessione. E nel frattempo, il rialzo del prezzo del petrolio Brent o WTI non aiuterebbe la rispettiva lotta all’inflazione. In tal caso, temiamo che il recente rimbalzo di tutte le asset class si trasformi nell’ennesimo rally orso in una tendenza al ribasso.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *