Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 04 luglio 2022 – NotizieCriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 5 minuti
4.8/5 - (11 votes)

 

In un contesto di mercato ancora cupo, Bitcoin ed Ethereum stanno cercando di limitare i danni. In effetti, da metà giugno sono riusciti a conservare faticosamente i rispettivi supporti. Tuttavia, il momento per un rimbalzo tecnico non sembra ancora arrivato. Il rischio inflazionistico, che qualche mese fa pensavamo fosse transitorio, è ancora in pieno svolgimento su entrambe le sponde dell’Atlantico.

A peggiorare le cose, le cause dell’inflazione non sono destinate a diminuire nelle attuali circostanze. Con la guerra in Ucraina e la politica di zero coviding della Cina, i problemi di approvvigionamento a fronte di una domanda sostenuta non saranno risolti con un miracolo. Senza una fine in vista, le classi di attività rischiose, e le criptovalute in particolare, sono più che mai impantanate nel pessimismo imperante.

A proposito, l’ultima analisi tecnica su BTC ed ETH è chiaramente ribassista. Ciononostante, i venditori stanno lottando per portare il chiodo vicino ai rispettivi supporti. E se dovesse continuare così per qualche giorno/settimana, con l’aggiunta di un allentamento delle pressioni inflazionistiche, un rimbalzo tecnico degno di questo nome diventerebbe più probabile. Da qui la formazione definitiva di minimi temporanei sulle prime due criptovalute.

Bitcoin: verso i 30.000 dollari?

Dall’ultimo ATH del novembre 2021, Il Bitcoin è sceso del 72% circa. Questo mostra un brutale assalto che simboleggia il passaggio dall’euforia al panico totale. E solo per spaventarci, giustamente, i precedenti mercati orso sono stati dell’86% e dell’84% rispettivamente nel 2014 e nel 2018. Da un punto di vista statistico, una gamba ribassista rimarrebbe nel mirino fino a quando le notizie di mercato non forniranno motivi di speranza.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 04 luglio 2022

Soprattutto perché la spalla-testa-spalla (ETE), la linea discendente e la fase 4 di Weinstein, sostenuta da una media mobile a 30 settimane (MM30 weekly) che scivola al di sotto delle resistenze, sono ben lungi dall’essere minacciate fino a prova contraria. Senza il contorno di una vera e propria impennata dei prezzi del BTC sul supporto dei 20.000 dollari, i venditori non avrebbero motivo di prendere i loro profitti.

Tuttavia, la seconda onda ribassista iniziata dopo il cedimento al di sotto della parte superiore del suo gamma o canale orizzontale al livello di 46.000 dollari, sta iniziando a esaurirsi. A riprova di ciò, l’RSI in zona di ipervenduto da metà giugno in unità settimanali segnalerebbe che il peggio è temporaneamente alle spalle. Inoltre, non ci dispiacerebbe se il MACD smettesse di scendere.

In questo senso, un’inversione al rialzo degli indicatori tecnici farebbe sì che il supporto di 20.000 dollari venga mantenuto. Inizialmente, si potrebbe prendere in considerazione una forte rimonta dei prezzi del Bitcoin verso la resistenza di 26.000 dollari. Se quest’ultimo viene violato, La moneta digitale di Satoshi Nakomoto tornerebbe a circa 30.000 dollari. D’altra parte, il superamento di uno dei livelli chiave dell’ultima corsa al rialzo sembra improbabile, visti i recenti episodi di stress che hanno sicuramente lasciato il segno negli investitori.

Ethereum – Sulla strada per 1.700 dollari?

A causa di una storia di trading più breve rispetto al Bitcoin, Ethereum ha conosciuto solo due mercati ribassisti. Il primo risale al 2018, con un calo di quasi il 94% della capitalizzazione di mercato. Mentre il secondo in corso dall’ultimo ATH del novembre 2021, è attualmente in crescita del 78%.

Analisi settimanale dei prezzi di Ethereum - 04 luglio 2022

Non solo dipende dai futuri movimenti del BTC quando i mercati finanziari sono ancora sotto stress. Ma se il colpo di grazia di quest’ultimo al di sotto dei 20.000 dollari dovesse vedere la luce, l’ETH rischierebbe di amplificare il suo declino al di sotto del supporto di 1.000 dollari verso i 700 dollari. Il che ci ricorda un detto che molti investitori farebbero bene a ricordare in futuro: “quando il Bitcoin tossisce, l’intero ecosistema delle criptovalute prende il raffreddore”.

Tuttavia, nel breve termine, Ethereum sta mostrando la volontà di non rivisitare i prezzi a tre cifre in unità settimanali. Con l’RSI che si trascina nella zona di ipervenduto e il MACD che potrebbe attutire la caduta, non sarebbe impossibile vedere un rimbalzo tecnico migliore. A condizione che il Bitcoin faccia lo stesso.

Ipotizziamo che questo scenario sia favorito da indicatori tecnici in precoce ripresa, I prezzi di Ethereum recupererebbero verso la resistenza di 1400 dollari. E in una seconda fase, potrebbero raggiungere i 1700uno dei livelli chiave della sua ultima corsa al rialzo. D’altro canto, però, saremmo ancora lontani da un’inversione di tendenza favorevole.

BTC e ETH – Attenzione a un’ulteriore accelerazione al ribasso

Anche se i mercati ribassisti di Bitcoin ed Ethereum hanno subito un leggero rallentamento, formalmente mancano i principali catalizzatori per fermare temporaneamente il panico generale delle ultime settimane. Finché questo status quo persiste, i venditori non saranno spinti a riacquistare le loro posizioni corte. Le speranze di un rimbalzo tecnico sarebbero rimandate.

E se questo non bastasse, le banche centrali non sarebbero più in grado di fornire il sostegno che gli investitori si aspettano in caso di incendio dei mercati finanziari. Perché se lo facessero, rischierebbero di alimentare nuovamente l’inflazione. In questo caso, I prezzi di BTC ed ETH, altamente sensibili all’avversione al rischio, si dirigerebbero verso un mercato orso più strutturale di quelli precedenti.

La presenza di investitori istituzionali, che tendono a ottenere un’esposizione attraverso prodotti finanziari, potrebbe ancora causare massicci movimenti al ribasso. a causa di richieste di margini insostenibili. Ecco perché gli scenari di un Bitcoin a 12.000 dollari e di un Ethereum a 700 dollari non sarebbero di per sé così surreali. Con il timore che molti attori e influencer del settore delle criptovalute capitolassero definitivamente.


Il trading di criptovalute comporta un elevato livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti. Si raccomanda di informarsi bene sui rischi associati e di investire solo le somme che ci si può permettere di perdere.

Il contenuto del sito web NotizieCriptovalute.it ha finalità esclusivamente educative e informative. Non costituisce una raccomandazione e non può essere considerata un incentivo alla negoziazione di strumenti finanziari.

NotizieCriptovalute.it non garantisce i risultati o le prestazioni degli strumenti finanziari presentati. Pertanto, decliniamo ogni responsabilità per l’uso che può essere fatto di queste informazioni e per le conseguenze che ne possono derivare.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *