Analisi del Bitcoin – Verso una terza ondata di correzione?

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
Donnez une note

Sulla scia del calo dell’inflazione statunitense al di sotto dell’8% in ottobre, tutte le asset class rischiose hanno vissuto una seduta eccezionale. A tal punto che molti investitori stanno iniziando a credere nella Perno della FEDCiò significa passare da una politica monetaria restrittiva a una politica monetaria accomodante.

Da questa piacevole sorpresa macroeconomica, Il Bitcoin è riuscito a recuperare parte delle perdite subite rispetto ai recenti minimi dell’anno, in seguito alla bagarre tra Binance e FTX. Ciononostante, i prezzi sono sotto pressione a causa del timore cheuna terza ondata di correzione del suo mercato orso potrebbe concretizzarsi verso i 12.000 dollari.

In un contesto di mercato incerto, che questa settimana è stato un po’ ovunque, valutiamo con attenzione possibili scenari per BTC secondo l’ultima analisi tecnica.

Bitcoin in unità settimanali – Breakout della linea discendente presto in scadenza?

Due settimane fa, i prezzi del Bitcoin erano riusciti a superare la linea discendente. Ma leggendo tra le righe, abbiamo sottolineato nei precedenti aggiornamenti di mercato che questo segnale positivo mancava di convinzione. D’ora in poi, la candela ribassista di questa settimana potrebbe convalidare la possibilità di un rimbalzo ingannevole. La prova è che il BTC ha fatto nuovi minimi dell’anno sotto i 16.000 dollari.

Anche se abbiamo avuto un richiamo dalla presunta buona uscita dell’inflazione statunitense, i prezzi stanno lottando per tornare a toccare i 20.000 dollari o l’ATH del 2017. In ogni caso, la minaccia di un arrivo alla quarta tappa di Weinstein sarebbe senza dubbio rimandata. A questo proposito, la media mobile a 30 settimane continua a brillare al ribasso. D’altra parte, gli indicatori tecnici stanno interrompendo la loro avanzata verso le rispettive linee d’acqua.

Ipotizzando una rottura finale di 20.000 dollari, i venditori punterebbero a far scendere il chiodo verso i 12.000 dollari.un livello critico che ha favorito l’ultima corsa dei tori. D’altro canto, un ritorno al livello di 20.000 dollari, confermato prima di questa complicata settimana, porterebbe potenzialmente a un ritorno dei prezzi del BTC verso il livello di resistenza di 26.000 dollari.

Detto questo, quest’ultimo scenario, favorito dagli investitori in criptovalute, potrebbe essere in pericolo. Soprattutto se la situazione attuale non dovesse migliorare rapidamente.

Bitcoin in unità giornaliere – Segnali negativi che convergono a tutta velocità

L’entità del calo è iniziata martedì, con l’ora asiatica. E poco prima della sessione di tregua di ieri, due grandi candele ribassiste hanno sfondato con forza il supporto di 20.000 dollari. Con i prezzi attualmente scambiati al di sotto del precedente minimo dell’anno dello scorso giugno.

Analisi giornaliera del prezzo del Bitcoin - 11 novembre 2022

Anche se questo non è ancora definitivo nelle unità settimanali, La rottura dell’ATH del 2017 in unità giornaliere aprirebbe una prima porta a una terza ondata di correzione del mercato orso del BTC dall’ultimo ATH del novembre 2021. A sostegno di questo segnale negativo, il MACD e l’RSI sono scesi pesantemente sotto la linea dello zero e la zona neutra a 50 rispettivamente.

E come abbiamo detto più volte, a condizione che prevalga il ribasso, I prezzi del BTC sono atterrati a 16.000 dollari in reazione a un RSI ipervenduto. Supponendo che questo supporto regga, il massimo che possiamo sperare a questo punto sarebbe un pullback o un rimbalzo al di sotto della resistenza di 20.000 dollari.

Al contrario, una seconda porta aperta confermerebbe seriamente lo scenario di una terza ondata di correzione. Con l’idea che i prezzi non sarebbero semplicemente scesi verso i 12.000 dollari, ma piuttosto a livelli ancora più bassi che potrebbero cancellare l’ultima corsa dei tori.

BTC – Il Bitcoin sta perdendo terreno rispetto all’oro

Una terza ondata di correzione nel mercato orso del Bitcoin sembra essere in arrivo. Per sapere se sarà pienamente convalidato, dovremo aspettare i prossimi giorni/settimane per dare il verdetto. Tuttavia, ci saremmo aspettati che il BTC sfruttasse appieno i recenti cali dell’indice del dollaro e dei rendimenti obbligazionari. E dobbiamo ammettere che non è proprio così, nonostante le circostanze attenuanti.

Analisi settimanale del rapporto tra oro e bitcoin - 11 novembre 2022

Proprio il contrario dell’oro (XAU), che si sta riprendendo dai minimi dell’anno. Non solo, beneficia di un calo dei tassi reali grazie alla congiunzione favorevole tra tassi obbligazionari e inflazione. Ma il metallo giallo sta riprendendo forza dall’ultimo Bitcoin ATH del novembre 2021. Perché il rapporto XAU/BTC sta gradualmente salendo a livelli critici. Tanto che la fase 2 di Weinstein sta prendendo piede.

Nelle ultime settimane abbiamo avuto l’impressione che l’oro stia cercando di affermare il suo status di bene rifugio. E con l’incombere di una recessione economica sia in Europa che negli Stati Uniti, potrebbe sovraperformare il Bitcoin. finché non riuscirà ad uscire dalla correlazione con gli indici azionari.

Tuttavia, sebbene sia impensabile per la comunità finanziaria, la perdita di credibilità delle banche centrali (e più in particolare della FED) costituirebbe un driver positivo per le due classi d’investimento più popolari tra gli investitori retail. In tal caso, potremmo assistere a una sincronia nell’ascesa dell’oro e del Bitcoin. Il primo perché non è un debito di nessuno. E quest’ultimo perché si basa su un sistema decentralizzato.

È possibile essere sempre vincenti? Se il prezzo del Bitcoin è in ottima forma o se sta attraversando una fase di turbolenza, CryptoTrader™ vi permette di aumentare le vostre possibilità di successo grazie a il suo strumento di trading algoritmico 100% automatizzato.


Il trading di criptovalute comporta un elevato livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti. Si raccomanda di informarsi bene sui rischi associati e di investire solo le somme che ci si può permettere di perdere.

Il contenuto del sito web CryptoActu.com ha finalità esclusivamente educative e informative. Non costituisce una raccomandazione e non può essere considerata un incentivo alla negoziazione di strumenti finanziari.

CrittografiaActu.com non garantisce i risultati o la performance degli strumenti finanziari presentati. Pertanto, non ci assumiamo alcuna responsabilità per l’uso di queste informazioni e le relative conseguenze.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *