Analisi del Bitcoin – Ultima speranza per gli acquirenti? – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.9/5 - (7 votes)

 

Sulla scia degli ultimi dati sull’inflazione negli Stati Uniti, leggermente superiori alle stime, avremmo potuto pensare che il Bitcoin si stesse avvicinando ai minimi dell’anno. Solo che poche ore dopo la pubblicazione della statistica economica, ha fatto un enorme balzo indietro fino a sfiorare la soglia dei 20.000 dollari. Tanto da sembrare l’ultima speranza per gli acquirenti.

Le spiegazioni di questa inversione di tendenza non sono ancora chiare. Alcuni investitori ipotizzano che i venditori stiano riacquistando le loro posizioni. Altri invece la collegano a una reazione legata agli indicatori tecnici in zona di ipervenduto. Ciononostante, il mercato ribassista del BTC dall’ultimo ATH del novembre 2021 continua a farla da padrone.Questo nonostante un segnale tecnico potenzialmente favorevole.

In un contesto di mercato, questo ci farebbe venire voglia di chiudere gli schermi, vediamo cosa ci riserva l’ultima analisi tecnica in unità settimanali e giornaliere.

Bitcoin in unità settimanali – Quarta settimana consecutiva intorno ai 20.000 dollari?

Lo status quo del Bitcoin intorno alla soglia dei 20.000 dollari potrebbe continuare per la quarta settimana consecutiva. Nel frattempo, i prezzi sono vicini alla linea discendente. Con la possibilità di un breakout che invierebbe un segnale tecnico positivo agli acquirenti. Tuttavia, viste le numerose resistenze da rompere al rialzo, ci sarebbe ancora molta strada da fare per aprire la porta a un’inversione di tendenza al rialzo.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 14 ottobre 2022

Pertanto, sarebbe indispensabile che gli indicatori tecnici tornassero al di sopra delle rispettive linee di galleggiamento. Per farlo, i prezzi del BTC dovrebbero allontanarsi dalla soglia dei 20.000 dollari e superare i livelli di resistenza di 26.000 e 30.000 dollari. E dobbiamo ammettere che ne siamo ben lontani. Peggio ancora, La Fase 4 di Weinstein potrebbe essere un potente richiamo contro i tentativi di rimbalzo.

 

 

 

Supponendo che i prezzi del Bitcoin si trovino al di sopra della linea discendente nelle prossime settimane, si scontrerebbero rapidamente con la dinamica ribassista della media mobile a 30 settimane (MM30 weekly) da fine marzo/inizio aprile. Soprattutto perché giocherebbe il ruolo di doppia resistenza con i 26.000 dollari.

Ma dall’altro lato, gli acquirenti vedrebbero la nascita di un pattern grafico potenzialmente rialzista che va sotto il nome di double bottom. Anche se in questa fase questo scenario di mercato non sarebbe unanime.

Bitcoin in unità giornaliere – Un potenziale incrocio della linea discendente con punti interrogativi

Nelle unità giornaliere, osserviamo la formazione di un martello durante la sessione di giovedì.che, come promemoria, è spesso preannuncia un’inversione di tendenza. Tuttavia, non si concretizza nel modo consueto. Di solito questo tipo di pattern si verifica dopo una serie di sedute al ribasso o nel contesto di un mercato orso estremamente eccessivo.

Analisi giornaliera del prezzo del Bitcoin - 14 ottobre 2022

In particolare, nel nostro caso, il martello segue una gamma molto stretto da metà settembre. Pertanto, rimarremmo cauti sul potenziale breakout dei prezzi del BTC oltre la linea discendente. Detto questo, non possiamo ignorare lo slancio rialzista del MACD e dell’RSI.

Nell’ipotesi che entrambi gli indicatori tecnici tornino al di sopra delle rispettive linee di galleggiamento, evocheremmo la possibilità che il Bitcoin torni a quota 26.000 dollari oltre alla violazione della linea discendente e dei 22.000 dollari. Ma come per la MM30 settimanale, La moneta digitale di Satoshi Nakomoto avrebbe molto a che fare con la media mobile a 200 giorni (MM200 daily) per cercare di salire.

BTC – Un’ultima possibilità per evitare un rally del mercato orso?

Dopo la pubblicazione dei dati sull’inflazione statunitense di settembre, che hanno rafforzato il continuo inasprimento monetario della FED, si è verificato un caso fondamentale per cui il Bitcoin è sceso sotto i minimi dell’anno. Eppure, si è verificata un’inversione al rialzo, ma è relativa visto che i prezzi sono rimasti in un range ristretto da metà settembre.

In ogni caso, questa sembrerebbe l’ultima possibilità di ritardare la ripresa del mercato orso del BTC dal suo ultimo ATH nel novembre 2021. Perché ciò accada, i prezzi dovrebbero superare rapidamente le resistenze menzionate nella sezione precedente o addirittura la soglia dei 30.000 dollari. L’unica condizione è che I fondamentali positivi, come il calo del dollaro e la flessione dei rendimenti obbligazionari, possono essere sostenuti nel tempo.

In caso contrario, la pausa di 20.000 dollari confermerebbe una nuova ondata di correzione, che a sua volta rimanderebbe il Bitcoin verso i supporti che non si vedono dal 2020, rispettivamente 16.000 e 12.000 dollari rispettivamente. E nell’ipotesi che il contesto di mercato dovesse degenerare, Non escludiamo l’ipotesi di un ritorno dei prezzi a quattro cifre se la scadenza del pivot della FED viene posticipata.

 

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *