Analisi del Bitcoin – Momento di ribasso? – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.8/5 - (18 votes)

Dopo una settimana fatale in seguito al fallimento di FTX, il Bitcoin sembra aver temporaneamente ritrovato la sua calma. Tanto che attualmente si trova a metà strada tra due livelli chiave che può oscillare in entrambi i sensi. E sebbene la moneta digitale di Satoshi Nakomoto stia attualmente limitando i danni, lo scenario di una terza ondata di correzione del suo bearrun sta gradualmente iniziando a emergere.

Le ultime analisi tecniche purtroppo puntano in questa direzione fino a prova contraria. Anche se nel breve termine, non sarebbe escluso che possa sostenere un rimbalzo, i venditori avrebbero tutte le carte in regola per dare il colpo di grazia prima della fine dell’anno. Tanto più che le attuali incertezze sui mercati finanziari non si stanno concretamente attenuando, nonostante gli ultimi dati sull’inflazione statunitense, apparentemente rassicuranti.

Sebbene il contesto di mercato non sia favorevole all’assunzione di rischi, analizziamo da vicino se Il movimento del prezzo del BTC potrebbe essere accelerato al ribasso o meno.

Bitcoin in unità settimanali – MACD presto sotto pressione?

Ora che la candela ribassista della scorsa settimana ha mandato a monte tutti i piani di neutralizzazione del mercato orso del Bitcoin dall’ultimo ATH del novembre 2021, 20.000 (o 2017 ATH) diventa ora resistenza. Allo stesso tempo, gli indicatori tecnici hanno bruscamente arrestato la loro avanzata verso le rispettive linee di galleggiamento. Con una nota che si rivelerebbe preoccupante per il MACD in caso di incrocio ribassista del segnale.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 18 novembre 2022

Se l’indicatore di tendenza dovesse confermare questo segnale tecnico sfavorevole nelle prossime settimane, i prezzi del BTC si allontaneranno definitivamente dall’ATH del 2017. E poiché le cattive notizie non arrivano mai da sole, La fase 4 di Weinstein avrebbe guadagnato slancio con grande disappunto degli investitori in criptovalute. Prosegue infatti la spinta al ribasso della media mobile a 30 settimane (MM30 settimanale). Tanto che potrebbe scendere sotto i 20.000 dollari.

In questo caso, la caduta del Bitcoin dall’8 novembre potrebbe peggiorare. Da un lato, la soglia dei 16.000 dollari sarebbe affondata definitivamente. D’altra parte, 12.000 dollari sarebbe un obiettivo tecnicamente corretto nel gergo dell’analisi tecnica. Ma se lo stress dei mercati finanziari dovesse tornare a livelli elevati, i venditori potrebbero puntare a prezzi a quattro zeri.

Bitcoin in unità giornaliere – Accelerazione sotto i 16.000 dollari?

Dal 9 novembre, il Bitcoin è riuscito a fermare per il momento la sua ultima corsa. Soprattutto perché si sta avvicinando ai 16.000 dollari. E non è una coincidenza che stiamo assistendo alla cosiddetta stabilità dei prezzi intorno a questo supporto. Oltre alla sua storia precedente che risale al novembre 2020, rappresenta uno dei livelli critici dell’ultimo bullrun.

Analisi giornaliera del prezzo del Bitcoin - 18 novembre 2022

Le ultime candele giornaliere mostrano estrema cautela in attesa di un grande movimento. Anche se l’RSI e il MACD stanno uscendo dal loro stato di tristezza, il momentum di fondo nelle unità giornaliere rimane ribassista. Tuttavia, potremmo assistere a una momentanea pausa del mercato in assenza di cattive notizie.

In caso di ritorno a 16.000 dollari, sarebbe difficile fare meglio di 20.000 dollari, visti i potenziali danni del fallimento di FTX. Con il timore che l’ATH 2017 convalidi irrevocabilmente il suo cambio di polarità da supporto a resistenza attraverso un pullback. Al contrario, la rottura immediata di 16.000 dollari rafforzerebbe lo scenario di una terza ondata di correzione della corsa dell’orso BTC verso 12.000 dollari.

BTC – Un mercato orso che potrebbe indurirsi

A meno che non si verifichi un’inversione di tendenza a dicembre, questo cambierebbe le carte in tavola, Il Bitcoin potrebbe ancora fare nuovi minimi dell’anno entro la fine dell’anno. Non solo il grafico settimanale, così cruciale per gli investitori a lungo termine, sostiene la tesi di un bearrun duraturo. Ma i minimi sono inferiori a quelli precedenti. Da qui la possibile accelerazione verso il basso che suonerebbe l’inizio di una capitolazione degli acquirenti.

Supponendo che il fallimento di FTX assuma una dimensione smodata, non ci si deve aspettare un intervento divino da parte della FED. A partire da oggi, Le criptovalute sono una classe di attività non regolamentata con un peso trascurabile rispetto alle obbligazioni e alle azioni. Tra l’altro, la battuta d’arresto di una delle maggiori piattaforme di scambio di criptovalute darebbe credito ai piani per le MNBC (Central Bank Digital Currencies).

Di conseguenza, temiamo che il Bitcoin possa soffrire ulteriormente. Quindi non saremmo al sicuro da un domino ancora peggiore di FTX. Per non parlare di un’altra doccia fredda da parte della FED, che a sua volta continuerebbe la sua stretta monetaria. In questo caso, il suo mercato ribassista dall’ultimo ATH del novembre 2021 rischierebbe di scavarsi la fossa per l’inizio dell’anno 2023.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *