Analisi del Bitcoin – I venditori sono in attesa – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (15 votes)

Anche se la settimana ha portato a nuovi minimi dell’anno, il Bitcoin sta cercando di stabilizzarsi. In effetti, il fatto che le ripercussioni del fallimento di FTX si stiano in qualche modo calmando, indicherebbe che I venditori si troverebbero in una situazione di attesa. Ma perché possano prendere profitto o subire pressioni, gli acquirenti devono essere realistici a causa delle attuali incertezze dei mercati finanziari.

Le ultime analisi tecniche testimoniano una situazione precaria. Con l’impressione che i prezzi del BTC possano crollare all’improvviso. Tanto che i vari tentativi di rimbalzo sarebbero solo un’illusione. Da questa amara constatazione per molti investitori, la vera domanda sarebbe determinare il potenziale di questa terza ondata di correzione del mercato ribassista del Bitcoin dall’ultimo ATH del novembre 2021.

Vogliamo lasciare le cose come stanno per alleggerire gli acquirenti? Oppure Vedremo i prezzi ancora più bassi delle stime di consenso?

Bitcoin in unità settimanali – 16.000 dollari si mantengono ma fino a quando

In unità settimanali, i prezzi del Bitcoin sembrerebbero avviarsi verso la seconda settimana consecutiva di pausa. E come prova, 16.000 dollari sono attualmente in corso. Sfortunatamente, i venditori hanno conquistato il loro equilibrio di potere rispetto agli acquirenti sfondando il supporto dei 20.000 dollari o l’ATH del 2017.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 25 novembre 2022

Tra l’altro dopo un riaggiustamento del grafico come le ultime mosse, I prezzi del BTC si sono bloccati al di sotto della linea discendente del bearrun. Con la Fase 4 di Weinstein che non chiede così tanto. In questo senso, la media mobile a 30 settimane (MM30 settimanale) rischierebbe di scendere sotto i 20.000 dollari. E per far venire il mal di testa agli acquirenti, il MACD, già sotto la linea dello zero, non sarebbe lontano da un incrocio ribassista del segnale.

Compra Bitcoin

 

Se l’indicatore tecnico diventa definitivamente rosso nelle prossime settimane, la terza ondata della correzione del mercato ribassista del Bitcoin acquisterebbe slancio se venisse superata la soglia dei 16.000 dollari. Il supporto di 12.000 dollari sarebbe quindi a portata di mano, con la sensazione che gli acquirenti stiano capitolando definitivamente.

Bitcoin in unità giornaliere – Poca iniziativa in entrambe le direzioni

Se può far sentire meglio gli acquirenti, almeno temporaneamente, è che il Bitcoin si è mosso intorno ai 16.000 dollari in unità giornaliere dal 9 novembre. Ciononostante, constatiamo che ci sono poche iniziative in entrambe le direzioni. Con l’idea che i venditori abbiano fatto abbastanza per l’anno 2022. D’altro canto, però, non vediamo come gli acquirenti possano recuperare i loro soldi.

Analisi giornaliera del prezzo del Bitcoin - 25 novembre 2022

Nonostante gli indicatori tecnici abbiano smesso di deteriorarsi, Il BTC si sta pericolosamente allontanando dai punti principali per una neutralizzazione del mercato orso. Tanto più che i tentativi di rimbalzo si stanno rivelando estremamente timidi, se vogliamo adottare un’analisi politicamente corretta.

Nell’ipotesi di un ritorno al livello di 16.000 dollari, gli acquirenti potrebbero aspettarsi un’impennata dei prezzi del Bitcoin verso i 20.000 dollari. Tuttavia, la probabilità di un pullback rischierebbe di far naufragare le loro ultime speranze, visto il cambio di polarità sull’ATH 2017. Al contrario, ci riferiamo allo scenario menzionato sul grafico settimanale.

Compra Bitcoin

 

BTC – Un’altra lunga traversata del deserto?

Salvo sorprese, non ci sarebbe nulla da aspettarsi sul Bitcoin nel senso di un’inversione di tendenza favorevole fino alla fine dell’anno. Da qui la domanda sul potenziale della terza ondata di correzione del mercato ribassista dall’ultimo ATH del novembre 2021. Che ci piaccia o no, i fondamentali e i grafici non supporterebbero gli acquirenti.

Non solo e più visibile nelle unità settimanali, i massimi e i minimi si abbassano con l’avanzare delle sessioni. Ma questa tendenza secolare osservata da oltre un anno riflette la sua incapacità di assorbire le attuali incertezze dei mercati finanziari. E la stretta monetaria della Fed ha avuto molto a che fare con la scarsa performance della moneta digitale di Satoshi Nakomoto.

A questo proposito, il fatto che gli investitori scommettano su un tono meno aggressivo da parte della banca centrale statunitense, alla luce del rialzo lineare degli indici azionari, potrebbe sembrare prematuro. Per Le recenti dichiarazioni dei membri della FED non hanno lasciato intendere alcun cambiamento. E come abbiamo detto ieri, un rialzo dei tassi di 50 punti base a dicembre invece che di 75 non segnerebbe affatto la fine della stretta monetaria.

Di conseguenza, molti progetti nel settore delle criptovalute dovrebbero essere destinati a fallire prima o poi. Il crollo di Luna e FTX non solo accelera questo processo. E quando l’epurazione avrebbe raggiunto il suo apice, è allora che gli investitori inizieranno a fare i loro bilanci sulle criptovalute più importanti. Il primo è il Bitcoin.

 

È possibile essere sempre vincenti? Se il prezzo del Bitcoin è in ottima forma o se sta attraversando una fase di turbolenza, CryptoTrader™vi permette di aumentare le vostre possibilità di successo grazie a il suo strumento di trading algoritmico 100% automatizzato.


Il trading di criptovalute comporta un elevato livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti. Si raccomanda di informarsi bene sui rischi associati e di investire solo le somme che ci si può permettere di perdere.

Il contenuto del sito web notiziecriptovalute.it ha finalità esclusivamente educative e informative. Non costituisce una raccomandazione e non può essere considerata un incentivo alla negoziazione di strumenti finanziari.

notiziecriptovalute.it non garantisce i risultati o la performance degli strumenti finanziari presentati. Pertanto, non ci assumiamo alcuna responsabilità per l’uso di queste informazioni e le relative conseguenze.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.