Analisi del Bitcoin – Gli acquirenti sono in fase di stallo? – notizircriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (14 votes)

L’ultima analisi tecnica del BTC ci mostra che gli acquirenti non sarebbero lontani dallo stallo. Con la paura che l’annata 2022 si concluderà come è iniziata. Inoltre, l’ultima riunione della FED non ha portato a una possibile fine della stretta monetaria. Tanto che tutte le asset class rischiose stanno faticando a digerire questa cattiva notizia. A questo proposito, le ultime sedute di Wall Street da mercoledì 14 dicembre sono un promemoria.

Ora analizziamo il diversi scenari che il Bitcoin potrebbe affrontare con l’avvicinarsi della fine dell’anno.

Bitcoin in unità settimanali – divergenze rialziste sugli indicatori tecnici, ma tutt’altro che convalidate

Nonostante la tenuta del supporto di 16.000 dollari, il Bitcoin è ancora in balia di nuovi minimi dell’anno. Soprattutto perché il breakout del prezzo al di sopra della linea discendente sembrerebbe essere di default in assenza di catalizzatori primari che potrebbe innescare un pacchetto d’acquisto.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 23 dicembre 2022

Per tutto questo, abbiamo divergenze rialziste sugli indicatori tecnici. Sia sul MACD che sull’RSI in unità settimanali, stiamo assistendo a minimi più alti rispetto ai precedenti, in contrasto con i prezzi del BTC che hanno rotto la barriera dei 20.000 dollari o l’ATH del 2017 per trovare un punto di supporto a 16.000 dollari. Tuttavia, c’è ancora del lavoro da fare per superare le rispettive linee di galleggiamento e convalidare pienamente questi segnali favorevoli.

D’altra parte, Gli investitori in criptovalute dovrebbero considerare anche la Fase 4 di Weinstein. E per una buona ragione, la media mobile a 30 settimane si sta gradualmente spostando al di sotto di 20.000 dollari, anche se il suo slancio ribassista si sta leggermente attenuando. Questo lascerebbe comunque la porta aperta ai venditori per dare il colpo di grazia.

Si ipotizza un ritorno al livello di 16.000 dollari, lo scenario di un ritorno dei prezzi del Bitcoin a contatto con l’ATH del 2017 e il MM30 settimanale rimarrebbe vivo. Ma tra le righe, questo potenziale rimbalzo potrebbe trasformarsi in un pullback sotto la resistenza, che in realtà parteciperebbe a un classico processo di mercato orso.

D’altra parte, la rottura immediata di 16.000 dollari verso 12.000 dollari sosterrebbe l’idea di una terza ondata di correzione. Allo stesso tempo, invaliderebbe le divergenze rialziste del MACD e dell’RSI, facendo cadere le ultime speranze degli acquirenti.

Bitcoin in unità giornaliere – Movimenti di prezzo troppo irregolari

In unità giornaliere, troviamo che I prezzi del Bitcoin si muovono in un range molto stretto. Tanto che questi movimenti erratici dei prezzi non aiutano a tracciare una chiara tendenza a breve termine. Allo stesso tempo, gli indicatori tecnici sono per il momento inchiodati leggermente al di sotto delle rispettive linee di galleggiamento. Anche se stanno cercando di tornare sopra di loro.

Analisi giornaliera del prezzo del Bitcoin - 23 dicembre 2022

Fortunatamente, la tombstone doji di mercoledì 14 dicembre non ha sortito l’effetto desiderato, con grande sollievo degli acquirentiQuesto nonostante la FED sia decisa a continuare la stretta nel 2023, il che di per sé non è una grande sorpresa. Questo potrebbe spiegare perché il supporto di 16.000 dollari è stato mantenuto fino ad ora.

Nell’ipotesi di una congiunzione favorevole tra i 16.000 dollari e gli indicatori tecnici, ci riferiremmo allo scenario discusso sul grafico settimanale. La differenza è che i prezzi del BTC sono tornati a contatto con la media mobile a 200 giorni (MM200 daily). E se guardiamo bene, cancelleremmo buona parte delle perdite legate al fallimento di FTX.

Da lì a sperare in un esito felice ce ne vuole ancora per liberarsi di questo mercato orso. Perché, d’altra parte, ci sono molto spazio di manovra per sfondare la soglia dei 16.000 dollari in relazione a un RSI piuttosto lontano dalla zona di ipervenduto. Il che sarebbe sufficiente a bloccare tecnicamente gli acquirenti.

BTC – Poco carburante per il rialzo e attenzione alla rottura di 16.000 dollari

Se il 2022 ha confermato un mercato ribassista del Bitcoin ogni quattro anni dal 2014, ma gli acquirenti non sono ancora fuori pericolo. Nonostante una capitalizzazione di mercato crollata di quasi il 75%, abbiamo poco carburante per ribaltare la situazione.

Non solo, Il BTC non beneficia più dell’abbondante liquidità della FED che è stato il suo punto di forza durante l’ultima corsa dei tori. Ma ancora peggio, non ha saputo approfittare del recente calo del dollaro e della leggera calma dei rendimenti obbligazionari in ottobre e novembre a causa delle notizie negative sulle criptovalute.

Pertanto, anche se i venditori potrebbero essere soddisfatti, la sua corsa al ribasso dall’ultimo ATH del novembre 2021 potrebbe subire un’ulteriore accelerazione al ribasso. E proprio un evento imprevedibile, che riporti lo stress sui mercati finanziari, rischierebbe di mettere in pericolo il supporto dei 16.000 dollari. In questo caso, la rottura di questo pavimento confermerebbe la definitiva capitolazione degli acquirenti.

Sapevate che esiste uno strumento che vi permette di delegare la gestione delle vostre criptovalute a professionisti del trading? Allo stesso modo di un fondo d’investimento nel mondo finanziario tradizionale, CryptoTrader™ ottimizza la gestione del vostro portafoglio di criptovalute grazie al suo Soluzione di trading algoritmico 100% automatizzato.


 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.