A giugno il Bitcoin ha registrato il peggior mese del mondo-Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.9/5 - (15 votes)

Mentre era in crescita nel 2021, il Bitcoin (e il mercato delle criptovalute in generale) sta subendo una forte crisi quest’anno. Il valore della criptovaluta è crollato: nell’ultimo trimestre del 2021, il valore del BTC aveva superato la soglia dei 60.000 dollari, mentre oggi scende regolarmente sotto i 20.000 dollari.

Secondo la CNBC, giugno è stato addirittura il mese peggiore nella storia della criptovaluta. Secondo i media americani, il valore del Bitcoin è sceso di oltre il 38% nel mese di giugno. Un simile calo non si era mai visto nei 12 anni in cui il Bitcoin è stato disponibile sugli scambi.

Una successione di cattive notizie

Va detto che recentemente il mercato delle criptovalute è stato scosso da una serie di eventi. A maggio c’è stato il crollo di Luna e della sua stablecoin USDT. All’inizio di giugno abbiamo anche riferito dei problemi della piattaforma di prestito Celsius. La piattaforma ha annunciato la sospensione dei prelievi e dei trasferimenti, provocando un’altra onda d’urto nel mercato delle criptovalute.

Inoltre, il crollo delle criptovalute di giugno ha costretto molte aziende a ridimensionarsi. Tra questi c’è Coinbase, che ha licenziato il 18% dei suoi dipendenti. Anche Gemini, Crypto.com e BlockFi sono interessati dall’ondata di licenziamenti.

La CNBC cita altre notizie negative, come l’inadempienza del fondo hedge di criptovalute Three Arrows Capital su un prestito di 670 milioni di dollari.

E a quanto pare, altre società focalizzate sulla criptovaluta potrebbero presto fallire. In una recente intervista a Forbes, Sam Bankman-Fried, CEO e fondatore della piattaforma FTX, ha rivelato che attualmente esistono borse di “terzo livello” che sarebbero segretamente insolventi.

Ha inoltre espresso il timore che durante il mercato toro le società abbiano offerto rendimenti molto generosi per attirare il maggior numero possibile di clienti. Ma ora questa strategia sta avendo conseguenze catastrofiche durante la crisi.

E mentre il capo di FTX ha già lanciato delle linee di salvataggio per salvare alcune aziende, ammette che altre sarebbero già insalvabili.

“Ci sono aziende che sono fondamentalmente troppo avanti e non è pratico sostenerle per ragioni come un grande buco nel bilancio, problemi normativi o che non c’è più molta attività da salvare”.ha detto.

Resta ora da vedere quando il Bitcoin e le altre criptovalute potranno rimbalzare. Come ricorda la CNBC, non è la prima volta che il Bitcoin entra in crisi. Durante l’ultimo inverno delle criptovalute nel 2018, il valore del BTC è sceso dell’80%, prima di rimbalzare, raggiungendo 69.000 dollari nel novembre 2021, il suo massimo storico.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.