USDC in pole position da ottobre – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (10 votes)

La criptosfera ama speculare sul gioco delle sedie musicali tra le criptovalute. Che siano basati su dati reali o su pregiudizi più soggettivi, questi sono dibattiti che la agitano regolarmente. Ma le posizioni di parte non hanno molto a che fare con il conflitto in atto tra le due principali monete stabili del settore. Con l’USDC in irresistibile ascesa dal 2020, gli ultimi eventi che stanno scuotendo il mercato delle criptovalute potrebbero vederlo conquistare il primo posto dall’USDT già in autunno. Vediamo.

L’USDC avrebbe presto detronizzato l’USDT

In arrivo l’inversione di rotta. No, non stiamo parlando del rovesciamento del re del Bitcoin da parte del suo fedele secondo in comando, l’Ether. Quest’ultimo, sotto l’effetto della sua imminente metamorfosi tecnologica (passaggio dalla prova del lavoro alla prova della posta in gioco), potrebbe agli occhi di alcuni renderlo califfo al posto del califfo. Una prospettiva discutibile, discutibile. Dopo tutto, è possibile, ma non imminente.

Nel mondo delle cosiddette stablecoin, tuttavia, il sistema di pagamento è in grado di offrire un’ampia gamma di servizi, il pioniere USDT, che è stato al primo posto fin dalle sue origini, potrebbe trovarsi relegato a un USDC, che lo sta perseguitando da tempo. Almeno questa è la prospettiva prevista dagli analisti di Arcane Research che, vista la curva dell’USDC in aumento e la traiettoria discendente dell’USDT, si aspettano un’inversione di tendenza a breve.

USDT sulla strada dell'inversione di tendenza

Per tutti gli investitori del settore, le stablecoin sono una parte fondamentale della strategia di acquisizione di un portafoglio di criptovalute. Non solo stabilizzano il valore del portafoglio, ma consentono anche agli investitori di evitare l’imposta sulle plusvalenze, almeno su base limitata.

Sono anche al centro di molti schemi di finanza decentralizzata (DeFi), che consentono agli utenti di generare rendimenti interessanti (rispetto alla finanza tradizionale). Sono il pilastro del settore, il che spiega il trattamento favorevole che ricevono dalle autorità di regolamentazione, e la scelta di una stablecoin è quindi essenziale per proteggere il proprio portafoglio dalla volatilità di BTC e altri.

Un ambiente ansiogeno per l’USDC

Per molto tempo, il pioniere Tether ha regnato sovrano sul mercato. La sua precedenza garantiva in un certo senso la sua liquidità, nonostante la ricorrente opacità sulla natura delle sue riserve.

Ma oggi il suo dominio si sta indebolendo di mese in mese. Un fenomeno non nuovo, ma che ha accelerato dall’implosione della stablecoin algoritmica UST all’inizio di maggio. dove l’USDT ha perso brevemente la parità con il dollaro. L’USDT è sceso fino a 0,97 dollari e ha impiegato quasi due mesi per recuperare il suo peg di 1 dollaro, mentre l’USDC ha recuperato il suo peg quasi immediatamente, consolidandosi come la stablecoin “più stabile” del settore. Inoltre grazie ai maggiori sforzi compiuti rispetto alla concorrenza per conformarsi a revisioni, regolamenti e standard di trasparenza più elevati, in particolare per quanto riguarda i dettagli delle sue riserve. Tuttavia, questa buona volontà potrebbe essere stata compromessa in passato ed è venuta alla ribalta in un contesto di sfiducia diffusa.

Un crocevia autunnale

In ogni caso, oggi le capitalizzazioni di mercato delle due principali monete stabili non sono mai state così vicine. Li separano poco più di dieci miliardi: 65,8 miliardi per l’USDT, 54,5 miliardi per l’USDC. Tuttavia, in termini di volume di scambi, l’USDT rimane il re. Nelle ultime 24 ore ha registrato un volume di scambi pari a 67,5 miliardi di dollari, mentre il secondo classificato ha registrato un volume modesto di 7 miliardi di dollari, secondo quanto riportato da CoinGecko. Ciò non sembra contraddire le proiezioni di Arcane Research sull’evoluzione delle capitalizzazioni dell’UDST e dell’USDC.

Proiezione USDT USDC

A sostegno di questa ipotesi, un impulso e una narrazione che sono dalla parte della stablecoin di Circlecon un crescente sostegno da parte dei fornitori di servizi che le danno sempre più importanza, anche se non ancora in modo palese, e un plebiscito all’interno della DeFi. In realtà, lo studio presenta cifre precise.

Estrapolando queste curve di crescita, il 10 ottobre 2022 l’USDC detronizzerebbe Tether come la più grande stablecoin, con un market cap di 61,3 miliardi di dollari.

Una battaglia tra titani

Audace ma credibile. Soprattutto perché le autorità di regolamentazione di tutto il mondo, tutte impegnate nel controllo del mercato, potrebbero favorire una USDC in costante ricerca di notorietà che ha già iniziato ad avanzare le sue mosse per diventare una criptobanca con statuto federale. Inoltre, illa nuova legislazione statunitense richiederà probabilmente una verifica mensile degli emittenti di stablecoin, Chi non si adegua difficilmente potrà operare sui mercati statunitensi. E Circle si è appena impegnata a fare proprio questo.. Questi sono argomenti solidi per stabilire la forza e la legittimità della sua stablecoin e per rovesciare il suo illustre anziano, che è ancora un po’ sulfureo e sta comunque lottando duramente per mantenere il suo dominio.

Così, nonostante la sua desantificazione primaverileier, è riuscita a realizzare miliardi di riacquisti da quando. Piuttosto rassicurante, ma non sufficiente per ritrovare la fiducia. Lo stesso dicasi per la revisione delle sue riserve per ridurre le sue rischiose disponibilità di attività non monetarie. Sforzi che non cambiano il fatto che gli investitori scelgono di limitare la loro esposizione agli asset quando non scelgono di escluderli del tutto. Diversi hedge fund si sono posizionati sull’USDT con vendite allo scoperto (scommesse al ribasso) per centinaia di milioni di dollari..

Declino e ascesa

L’emorragia della sua capitalizzazione di mercato all’epoca del collasso dell’ecosistema Terra Luna, che le è costata circa 10 miliardi di dollari di perditepotrebbe essere apparso come un caso isolato nella sua lunga e tortuosa storia. Ma la tregua è stata di breve durata. Altri episodi sfortunati hanno nuovamente scosso la fiducia degli investitori, come l’incidente sulla blockchain Oasis, in cui l’USDT è sceso a 0,12 dollari a causa di una guasto al ponte.

Il fatto è che dall’8 aprile, l’USDT ha visto la sua capitalizzazione di mercato diminuire di circa il 18%, mentre l’USDC ha visto la sua capitalizzazione di mercato aumentare del 15%, con una variazione cumulativa del 33% a suo favore. Questo avvalora effettivamente la tesi di una flippening tra i due nel medio termine. Questo a patto che un evento inaspettato, come i tanti che hanno segnato la storia delle criptovalute, non sconvolga le previsioni di Arcane Research.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *