L’Europa ha le banche più amiche delle criptovalute

L'Europa ha le banche più amiche delle criptovalute

Sommario

⌛ Tempo di lettura : 8 minuti
Donnez une note

Pubblicato un mese fa, ma ritrasmesso , recentemente su Twitter dal direttore della strategia europea di Circle, Patrick Hansen, un rapporto del sito di classifiche Coincub sulle economie cripto nel mondo ha appena contato la posizione geografica delle banche cripto-compatibili. E in cima al podio, L’Europa è in testa con 55 sedi, seguita dall’Asia (24) e dal Nord America (23)..

Banche e criptovalute: una relazione travagliata

Le banche, va ricordato, fanno parte di un settore altamente regolamentato. In quanto tali, sono altamente regolamentate a livello nazionale, ma anche sovranazionale con il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria che fissa gli standard bancari internazionali.

Regolamento

Esposizione alle criptovalute limitata al 2% per le banche

Nathalie E. – 22 dic 2022 – 12:23

Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria, un’emanazione della Banca d’Inghilterra e del Galles […]

Per saperne di più

Inoltre, sono sempre stati ambivalenti riguardo al fenomeno in ascesa delle criptovalute, oscillando tra la tentazione di sostenere un settore innovativo che potrebbe rivelarsi molto redditizio, e la timidezza di fronte a un settore non sufficientemente regolamentato contro il quale le autorità di vigilanza si sono affrettate a metterli in guardia.

Regolamentazione

Le autorità di regolamentazione statunitensi mettono in guardia le banche dal rischio cripto dopo il naufragio di FTX

Nathalie E. – 04 Gen 2023 – 11:58

Le agenzie federali di vigilanza bancaria degli Stati Uniti già in allarme per la […]

Leggi tutto

Il recente crollo di tre banche americane (Silvergate Bank, Silicone Valley Bank e Signature Bank) ha riportato in auge più che mai la tormentata storia che accomuna da un lato i sostenitori della finanza tradizionale e dall’altro gli attori di un modello disruptive. Proprio la loro attività di criptovaluta, più o meno sviluppata, è stata additata dai regolatori statunitensi come giustificazione, almeno parziale, della loro caduta.

Il crollo della First Republic Bank poco dopo, che non aveva alcuna esposizione a questi cosiddetti asset rischiosi, smentirebbe molto rapidamente questa narrazione anti-crypto. Ma in ogni caso, in un ambiente normativo ostile, gli Stati Uniti non sono più, agli occhi di molti, l’opzione migliore per puntare sul binomio funzionale tra banche e società di criptovalute, come ci ricorda il rapporto. Aziende che, non dimentichiamolo, hanno un estremo bisogno di ponti con la finanza tradizionale per far esistere e prosperare la propria attività..

Bitcoin

Di fronte al nervosismo delle banche statunitensi, che ne sarà del Bitcoin?

Nathalie E. – 03 maggio 2023 – 14:58

Da marzo il settore bancario statunitense si è indebolito. Diversi […]

Leggi tutto

Il Nord America retrocesso al 3° posto

Se gli Stati Uniti non sono più la terra d’elezione per le società di criptovalute, in particolare a causa di un ” Strategia coordinata per de-finanziare l’ecosistema degli asset digitali statunitensisecondo alcuni membri del CongressoTuttavia, esistono ancora istituzioni che forniscono loro servizi. Il rapporto cita le più note.

(…) all’inizio di aprile 2023, (…) Coinbase sta lavorando con Pathward Financial (ex MetaBank) e JPMorgan Chase. Altre banche che fanno affari con le società di criptovalute sono Customers Bancorp, Western Alliance, JPMorgan Chase e Bank of New York Mellon.

Ma si potrebbero citare anche i nuovi partner di Circle, l’emittente di USDC, che aveva parte delle sue riserve in banche fallite: Citizens Trust Bank, New York Community Bank e Cross River Bank. Quest’ultima partnership potrebbe avere vita breve, in quanto è ora oggetto di indagine da parte dell’autorità di regolamentazione bancaria statunitense, la FDIC, per pratiche “non sicure”.

Il fatto è che anche in Canada le regole sulle attività di criptovaluta si sono inasprite, spingendo i principali operatori come Binance a gettare la spugna, il continente nordamericano avrebbe un totale di 23 banche amiche delle criptovalute. secondo la ricerca di Coincub.

L’Europa è in testa con 55 banche compatibili con le criptovalute

E contro ogni previsione, è il vecchio continente, più noto per il suo conservatorismo che per il suo gusto per l’innovazione, a spuntarla. Il motivo principale, una chiara direzione legislativa in contrasto con la confusione normativa e punitiva che sta causando il caos dall’altra parte dell’Atlantico, in particolare con l’adozione nell’Unione Europea del regolamento sui mercati degli asset crittografici (MiCA). che dovrebbe entrare in vigore tra qualche mese.

Regolamento

L’UE adotta a larga maggioranza i regolamenti MiCA e TFR sulle criptovalute

Nathalie E. – 20 Apr 2023 – 17:20

Il Parlamento europeo ha appena approvato a stragrande maggioranza il MiCA e […]

Leggi tutto

Con questo arsenale normativo, il più completo finora su scala globale, l’Unione Europea sta gettando le basi, seppur imperfette, per un ambiente più sereno che probabilmente porterà a una minore diffidenza tra la finanza tradizionale e la criptoeconomia. Ma La Germania non ha aspettato il MiCA per lanciarsi in questo nuovo settore.

Bitcoin

Le banche tedesche nell’era del Bitcoin

Nathalie E. – 27 Mar 2023 – 07:28

Più di 1.200 banche tedesche saranno presto in grado di esporre ai propri clienti il […]

Per saperne di più

Il nostro vicino dall’altra parte del Reno ha iniziato una politica di apertura alle criptovalute qualche anno fa. Questa politica le ha fatto guadagnare la posizione di il primo posto dei Paesi crypto-friendly su scala globale nel 2022 e che l’ha visto opporsi alle disposizioni abusive dell’UE in termini di controllo dei trasferimenti di cripto. Non c’è quindi da stupirsi se nella classifica di Coincub occupa il primo posto con 6 stabilimenti di comprovata fiducia nelle criptovalute.

Francia 2, Regno Unito 14

A titolo di confronto, la Francia, che negli ultimi mesi ha attirato importanti operatori di criptovalute come Binance, Crypto.com, Circle che vogliono irradiare in Europa dall’esagono, ottenendo la famosa approvazione prestataire de services sur actifs numériques (PSAN) che ha ampiamente ispirato il MiCA, è un po’ indietro. Infatti, può vantare solo due banche compatibili con la criptovaluta. SG Forge, la divisione crittografica della Société Générale, terza banca francese, e la discreta Delubac & Cie che l’ha preceduta nella registrazione PSAN. E non ci soffermeremo sulle difficoltà che le PSAN francesi incontrano ancora oggi nel trovare un partner bancario…

In effetti, è al di fuori dell’UE che si trova il leader delle banche cripto-compatibili. Il Regno Unito può infatti vantare 14 istituti secondo Coincub. Ma si tratta di una situazione invidiabile che potrebbe non durare, dato che sono sempre più restii a trattare con i loro clienti pro-crypto, sia aziendali che individuali.

Criptovalute

Le banche britanniche ostacolano le ambizioni del Regno Unito in materia di criptovalute

Nathalie E. – 03 Apr 2023 – 11:30

Il Regno Unito non è ancora destinato a diventare il polo dell’economia mondiale. […]

Per saperne di più

Svizzera e Liechtenstein, pionieri in questo campo

La Svizzera e il Liechtenstein sono stati pionieri in questo settore. La prima con due banche cripto-native debitamente regolamentate dall’autorità di regolamentazione locale (FINMA): Sygnum e SEBA bank, che hanno esteso le loro attività ben oltre i confini originari. Oggi, la prima riferisce di aver ricevuto numerose richieste di integrazioneDopo la caduta di Silvergate e degli altri due, ci sono state molte richieste di integrazione, in particolare dal Medio Oriente. Tuttavia, è improbabile che le aziende con sede negli Stati Uniti siano in grado di fare affari con essa, Sygnum non li accetta. Per quanto riguarda SEBASecondo il rapporto, è diffidente nei confronti dei clienti americani.

Quest’ultima ha anche avviato una partnership con laa LGT Bank, la più grande banca privata del mondo con sede in Liechtenstein.per creare servizi di custodia e intermediazione di criptovalute per clienti privati nel principato e in Svizzera. Secondo Coincub, LGT opera anche in giurisdizioni cripto-friendly a Singapore e negli Emirati Arabi Uniti. Ma il Liechtenstein è anche la patria di Banca Frick, Prima banca in Europa a offrire servizi bancari su blockchain, che di recente è diventata uno dei principali partner di Kraken.

Per gli altri Paesi europei, ad eccezione di Malta, ancora “isola blockchain” per Coincub nonostante l’agguerrita concorrenza insulare (Bahamas e Bermuda in testa), due Stati baltici, Estonia e Lituania, e la Svezia alla pari con la Francia, la raccolta è esigua con una sola banca elencata per ogni giurisdizione.

L’Asia conferma la sua svolta crittografica con 24 istituzioni al secondo posto nel mondo

Dall’inizio dell’anno, si è speculato su chi sostituirà gli Stati Uniti come motore di crescita per le criptovalute.. E in queste prospettive, L’Asia sembra essere sulla buona strada, dal momento che diverse giurisdizioni sembrano giocare la carta della distensione, in particolare la Cina attraverso il territorio indipendente di Hong Kong..

Criptovalute

Hong Kong, con il sostegno silenzioso della Cina, apre prospettive per l’Asia come grande hub delle criptovalute

Nathalie E. – 21 febbraio 2023 – 13:28

Il Bitcoin ha appena inciampato ancora una volta sulla sua resistenza a 25.000 […]

Leggi tutto

A questo proposito, la ricerca di Coincub è un po’ confusa. Riferendosi al divieto (?) di banche cinesi come Bocom e Bank of China sulla terraferma, le include comunque come banche compatibili con le criptovalute per l’interesse che mostrano per le società di criptovalute che si trasferiscono a Hong Kong… Una logica curiosa, che rivela la confusione che regna ancora quando si parla di Cina e criptovalute.

Giappone in pole position

Singapore che ha perso il suo lustro come importante centro di attività crittografica, può ancora vantare 4 stabilimenti istituzionali “benevoli” con i cripto-artigiani, tra cui DBS, la più grande banca del sud-est asiatico per patrimonio gestito, che ha aperto il trading di criptovalute a tutti i suoi clienti senza distinzioni. Questo nonostante una sentenza dell’Autorità monetaria (MAS) abbia imposto alle banche di Singapore di applicare una ponderazione del rischio del 125% per l’esposizione agli asset crittografici “più rischiosi” come bitcoin ed ether. La città-stato ha anche messo in discussione il limite di accesso al dettaglio alle criptovalute.

In Corea del Sud, quattro delle cinque principali banche del Paese offrono una qualche forma di servizi di criptovaluta. secondo il rapporto, di cui le fonti sono un po’ datate, ma le recenti indagini finanziarie a loro carico potrebbero cambiare le cose, dice.

Per quanto riguarda il Giappone, sembra illustrare la regola secondo cui un ambiente normativo chiaro incoraggia le vocazioni bancarie. Ad esempio, l’arcipelago ha 7 banche che interagiscono in un modo o nell’altro con la criptovaluta., collocandosi al primo posto tra i Paesi asiatici.

L’America Latina sul gradino più basso del podio con 14 banche pro-crypto

Infine, ma non per questo meno importante, l’America Latina è il primo paese a rendere il Bitcoin una valuta legale. Si sarà riconosciuto El Salvador che, legalizzando la prima criptovaluta, ha incoraggiato le banche a rilevarla.. In effetti, la nazione più piccola della zona (appena 6,5 milioni di abitanti, la maggior parte dei quali non ha una banca) ha 3 banche che forniscono servizi bitcoin.

Non è una cosa da poco e lo è altrettanto il Brasile, che sta crescendo di anno in anno nell’economia degli asset digitali e che lo scorso dicembre ha adottato un quadro normativo che potrebbe sviluppare ulteriormente questo settore e il nesso cripto-bancario.

Criptovalute

Lula eletto, che ne sarà delle criptovalute in Brasile?

Nathalie E. – 01 Nov 2022 – 16:26

Dodici anni dopo aver lasciato il suo incarico al termine dei suoi primi due mandati […]

Leggi tutto

Tipologia di banche cripto-friendly

Il rapporto di Coincub mostra anche le caratteristiche delle banche che hanno uno o due piedi in cripto. Esse rientrano in tre gruppi, ovvero al momento dello studio: banche tradizionali (61), fintech e banche digitali (46)e banche focalizzate sulla crittografia (19). Il panorama è certamente frammentato, ma rivela comunque, secondo il documento, “una tendenza crescente di operatori tradizionali che si adattano all’industria delle criptovalute”.

Sì, forse, ma è legittimo chiedersi come potranno far fronte a requisiti sempre più drastici per gestire la loro esposizione a questa nuova classe di asset.

Regolamento

L’UE vuole imporre drastiche misure di blocco alle banche esposte alle criptovalute

Nathalie E. – 25 Gen 2023 – 12:12

La Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha […]

Leggi tutto

Tentati di acquistare criptovalute? Registrati ora su la piattaforma Bybit (link commerciale) per muovere i primi passi nell’acquisizione ragionata di bitcoin o ether e ottenere uno sconto a vita sulle commissioni di trading.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.