La fusione di Ethereum causerà un cambiamento radicale nell’offerta e nel valore di ETH – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.8/5 - (9 votes)

Con i dati dell’IPC statunitense non così negativi come previsto, Ethereum ha guidato il rally delle criptovalute all’inizio del mese. Anche perché il Merge è alle porte ed è uno degli eventi più attesi in criptovaluta quest’anno. Previsto per settembre, il Merge modificherà l’offerta di ETH e potrebbe addirittura portare la seconda criptovaluta in deflazione.

Proprio così, deflazionistica. Dopo la fusione, che ridurrà l’emissione di ETH, l’attuale meccanismo di bruciatura, in cui i token vengono rimossi in modo permanente dalla circolazione, potrebbe causare un calo dell’offerta di ETH. Ciò che accadrà in seguito dipenderà dalla domanda e dall’offerta complessive.

Il Merge è un aggiornamento del protocollo della blockchain di Ethereum, che cambia il consenso da “proof of work” (PoW) a “proof of stake” (PoS). In sostanza, Ethereum sta cambiando il modo in cui elabora le transazioni sulla sua blockchain.

 

Secondo gli sviluppatori di Ethereum, il nuovo sistema aumenterà la sicurezza della rete, rendendo quasi impossibile attaccarla. Sarà anche più efficiente dal punto di vista energetico, riducendo il consumo di energia di circa il 10.000%.

Si chiama “the Merge” perché l’aggiornamento prevede la combinazione di Ethereum Mainnet con la nuova catena PoS, nota anche come Beacon Chain. La Beacon Chain è operativa dal dicembre 2020 e la comunità di Ethereum ha utilizzato il periodo intermedio per effettuare test, eliminare bug e raccogliere un numero sufficiente di nodi validatori per gestire la rete.

La fusione avviene quando l’ultimo blocco di dati viene prodotto sulla vecchia blockchain PoW. Il blocco successivo sarà prodotto sulla nuova catena Beacon. Ciò significa che, dal punto di vista dell’utente, non cambierà nulla.

Il mercato ha accolto la notizia come rialzista, con il prezzo dell’ETH che è salito di oltre il 70% rispetto al suo recente minimo. Sebbene alcuni lo considerino senza dubbio un evento “vendi la notizia”, il passaggio al PoS modificherà il modo in cui vengono emessi gli ETH, il che potrebbe sostenere l’azione dei prezzi ben oltre l’evento stesso.

 

Con il vecchio sistema PoW, la blockchain di Ethereum doveva emettere circa 13.000 ETH al giorno per pagare i validatori della rete, o “minatori”. Questo per compensare i minatori che dovevano acquistare apparecchiature informatiche specializzate e pagare l’elettricità per farle funzionare.

Il metodo dello Staking, invece, richiede semplicemente che l’utente metta sotto chiave 32 ETH e gestisca un nodo. “L’esecuzione di un nodo Ethereum può sembrare complicata all’inizio, ma è semplicemente l’atto di eseguire continuamente un software client su un computer mentre si è connessi a Internet”, secondo il sito web di Ethereum. sito web di Ethereum. Dopo la fusione, Ethereum dovrà emettere solo 1.600 ETH al giorno per pagare l’APY del 5% circa necessario per incentivare i suoi stakers – una riduzione di otto volte dell’emissione.

Dopo la fusione, Ethereum “brucerà” – o eliminerà definitivamente dalla circolazione – tutte le commissioni sulle transazioni di base. “Per eseguire una transazione su Ethereum, è necessario pagare una commissione minima (nota come commissione di base)…. Questa commissione viene bruciata durante il processo di transazione, rimuovendola dalla circolazione”, secondo il sito di Ethereum. sito web di Ethereum.

 

 

Ethereum stima l’offerta totale di ETH a circa 120 milioni. A causa delle elevate commissioni necessarie per sostenere il precedente modello PoW, l’offerta si è gonfiata di oltre il 4% all’anno. Ma dopo il Merge, con la riduzione dell’emissione combinata con il meccanismo di masterizzazione, i ricercatori ipotizzano che l’asset diventerà deflazionistico a un tasso del -1,5% annuo..

Naturalmente, il rischio è che il team di Ethereum non riesca a portare a termine l’operazione, il che creerebbe scompiglio considerando che Ethereum è una delle strutture commerciali più importanti della criptovaluta. 38 miliardi di dollari sono detenuti in contratti intelligenti sulla catena, e tutti i NFT (token non fungibili) di maggior valore, come Bored Ape Yacht Club, vivono lì.

Anche se il co-fondatore di Ethereum Vitalik Buterin ha dichiarato recentemente che la comunità di Ethereum “è stata completamente favorevole allo sforzo di proof-of-stake e l’ecosistema è stato abbastanza unito intorno ad esso”, la fusione lascerà senza lavoro alcuni minatori di ETH scontenti.

Questi minatori potrebbero migrare verso Ethereum Classic, una copia o “hard fork” della blockchain di Ethereum creata nel 2016 in seguito alla hack di DAO che utilizza ancora il sistema PoW. Tuttavia, la liquidità sulla catena è minima rispetto alla mainnet; ha solo circa 250.000 DOLLARI detenuti in contratti intelligenti.

 

Alcuni minatori di Ethereum stanno pianificando una nuova biforcazione di Ethereum e la creazione di una nuova catena PoW. In ultima analisi, saranno i fornitori di stablecoin, in quanto fonte chiave di liquidità per le criptovalute, a giocare il ruolo di kingmaker a seconda della catena su cui permetteranno i riscatti. Molti prevedono che sceglieranno di continuare a lavorare con la mainnet di Ethereum.

Un Merge di successo potrebbe contribuire a risollevare il prezzo dell’ETH e a risollevare le sorti del mercato delle criptovalute. A lungo termine, un aggiornamento riuscito sarebbe un altro passo verso la trasformazione di Ethereum nel livello di base della nuova Internet.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.