Influencer di criptovalute: l’Assemblea nazionale vota per vietarli

Influencer di criptovalute: l'Assemblea nazionale vota per vietarli
⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
Donnez une note

Decisamente, prendere decisioni in assenza di logica sembra essere il principale motore dei regolatori francesi. Con una certa tendenza a a vietare prima ancora di cercare di capire o di accompagnare. Come nel caso dell’approvazione necessaria per essere registrati come fornitori di servizi di asset digitali (DASP), che è così difficile da ottenere che nessun operatore del settore delle criptovalute ne ha ancora uno.

Uno sport da combattimento nazionale il cui ultimo obiettivo è lo status di influencer delle criptovalute. Allo stesso tempo, è evidente che si tratta di un settore in cui è necessario fare pulizia, se non altro come investitore in questa economia digitale. Tuttavia, non tutti i membri di questa comunità di trading di criptovalute devono essere messi nella stessa scatola. E limitano la loro attività alle entità con lo status di PSAN non ha senso…

Criptovalute

Criptovalute – Stato attualmente in discussione all’Assemblea

NotizieCriptovalute.it – 27 Mar 2023 – 13:35

L’industria delle criptovalute si basa su una serie di caratteristiche uniche […]

Per saperne di più

Influenzatori di criptovalute – Messi a tacere dal PSAN

La legislazione francese contro il settore delle criptovalute può essere riassunta come un ciclo chiuso che si morde la coda. Da un lato, è stato messo in atto uno statuto PSAN ultra-complicato per controllare gli attori nazionali di questa economia digitale, in modo chenessuno di loro ha ancora questa approvazione che sarà presto obbligatoria. E d’altra parte, i cripto influencer dovranno accontentarsi solo di queste società – ancora inesistenti – per poter svolgere la loro attività in modo legale.

Una situazione riassunta da Adan, la struttura francese il cui obiettivo è promuovere un “quadro adattato (…) per l’innovazione e i casi d’uso del web decentralizzato in tutti i settori dell’economia.”

Questa disposizione autorizza solo la promozione di prodotti o servizi da parte di fornitori di servizi di asset digitali (DASP) autorizzati dall’Autorité des marchés financiers (AMF). Ad oggi, l’AMF non ha rilasciato alcuna autorizzazione agli NSP. Tale disposizione equivale quindi a un divieto di comunicazione in Francia sui servizi basati su asset digitali.

Adan

Un problema su larga scala nell’ambito dipossibile sovranità digitale nazionale nel settore. I cripto influencer rimangono i principali promotori dei nuovi operatori del settore delle criptovalute. E “senza un’armonizzazione a livello internazionale e/o un maggiore controllo dei contenuti pubblicati”, secondo Adan, è la stessa competitività delle aziende francesi che potrebbe essere nuovamente compromessa.

Criptovalute

Promo cripto: l’autorità di regolamentazione belga non scherza

Nathalie E. – 21 Mar 2023 – 07:28

Il Belgio imporrà nuove regole sulla pubblicità delle criptovalute. […]

Per saperne di più

Assemblea nazionale contro gli influencer della crittografia

In effetti, questa legge imbavagliare gli influencer cripto-nazionali, mentre si permette a coloro che non risiedono sul territorio francese di svolgere la propria attività impunemente. E sono spesso questi ultimi a produrre contenuti dubbi o problematici. Ecco perché Adan ha proposto un’alternativa concreta a questo quadro giuridicosotto forma di mano tesa al governo. Ma ovviamente questo testo è rimasto lettera morta.

La promozione di prodotti e servizi sugli asset digitali deve quindi essere in grado di mantenere un chiaro equilibrio tra la presentazione delle performance e dei vantaggi degli asset digitali e i rischi associati a questo tipo di investimento. Gli influencer, le principali fonti di informazione per gli utenti di questo mercato, sono di fatto i garanti di questo equilibrio attraverso i contenuti che diffondono.. “

Adan

Criptovalute

Adan – Il governo francese conferma le sue “dichiarazioni d’amore”.

NotizieCriptovalute.it – 13 dic 2022 – 12:00

Il governo di Emmanuel Macron non fa quello che dice. Una realtà che […]

Leggi tutto

Perché invece di puntare a un divieto assoluto, il governo potrebbe semplicemente emanare un quadro normativo per il business dei cripto influencer. Con, ad esempio, avvisi obbligatori e visibili sulla natura sponsorizzata di alcune pubblicazioni. E un eventuale richiamo ai rischi di investire nel settore delle criptovalute. Perché in definitiva, come spiega Adan, ” questo divieto va contro l’obiettivo di questa proposta di legge di proteggere gli utenti fornendo loro informazioni complete, corrette e accurate.

Siete interessati ad investire nel settore delle criptovalute e diventare un trader redditizio ? Formazione MasterClass CryptoTrader™ è qui per farvi iniziare questa avventura con tutte le nozioni di base di cui avete bisogno. Registratevi ora e ottenete 20% di sconto utilizzando il codice promozionale MCCT20. Si prega di notare che questa offerta non è valida per tutto il paese.è valido solo fino al 31 marzo 2023.

Protected by Copyscape

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.