Chi è Satoshi Nakamoto, l’inventore del Bitcoin? — Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (22 votes)

Negli ultimi anni, il Bitcoin Il Bitcoin ha messo in agitazione il mondo finanziario. Si tratta di un mezzo di pagamento alternativo su cui i governi non hanno alcun controllo. Infatti, il Bitcoin non ha un’esistenza fisica e non dipende da alcuna banca centrale. Non può essere disattivato perché il sistema si basa su una rete chiamata “blockchain” alimentata da decine di migliaia di computer in tutto il mondo. Ma di chi è stata l’idea di sviluppare la criptovaluta Bitcoin ? Fino ad oggi, la ricerca della vera identità di Satoshi Nakamoto continua. Si tratta dello pseudonimo utilizzato dalla persona o dalle persone che hanno sviluppato il sito. Bitcoin.

Sin dagli albori delle criptovalute, l’identità dell’inventore del Bitcoin ha sempre affascinato gli utenti di Internet. Molti pensavano di averla rintracciata più volte, ma alla fine la ricerca non ha avuto successo. Il 3 gennaio 2009, un certo Satoshi Nakamoto aveva lanciato il Bitcoinla prima criptovaluta decentralizzata e affidabile. Ma nel 2011 è scomparso dalla circolazione. Pertanto, l’identità di Satoshi Nakamoto rimane un mistero. Molte persone stanno cercando di decifrare il funzionamento della rivoluzione. Bitcoin per indagare sull’identità del suo enigmatico creatore. Ma finora è rimasto anonimo.

Teorie sull’identità di Satoshi Nakamoto

Quando Nakamoto ha discusso le questioni tecniche relative alla Bitcoinnon ha rivelato alcuna informazione personale. Tuttavia, ha fatto alcune osservazioni sulle banche e sul sistema di riserva frazionaria. Nel suo profilo della Fondazione P2P nel 2012, Satoshi Nakamoto ha dichiarato di essere un uomo di 37 anni che vive in Giappone. Tuttavia, molti dubitano che sia giapponese perché la sua Bitcoin non ha documentazione o etichetta in giapponese.

L’ortografia e la terminologia inglese occasionale nei commenti al codice sorgente e nei post del forum hanno portato a ipotizzare che Nakamoto, o almeno qualcuno del consorzio che sostiene di essere lui, provenga dal Commonwealth.

Infatti, nel 2008, Satoshi Nakamoto riservare il nome di dominio bitcoin.org. In seguito ha pubblicato le sue intenzioni in un documento in inglese. Ma il suo ultimo post sul forum risale al 2010. L’anno successivo scrisse ai collaboratori della rivista Bitcoin che è andato avanti. Il che fa pensare che non tornerà. Da allora, Satoshi Nakamoto non si è più sentito parlare.

Secondo Jean-Paul Delahayematematico, informatico e professore presso l’Università di Lille, è probabile che dietro il nome Satoshi Nakamoto nasconde una persona o un’entità americana. Ci sono diverse teorie sulla sua identità, ma è improbabile che abbiamo scoperto chi sia. C’è un affascinante parallelo tra la misteriosità della Bitcoin da un lato e la storia della sua invenzione dall’altro.

Secondo il professore di economia dell’Università di Digione, Ludovic Desmedt Le teorie sulla nascita del Bitcoin hanno a che fare con il contesto in cui la moneta è stata creata e con l’idea che si tratti di una moneta che sfugge alle banche. Si è persino parlato di una comunità cripto-anarchica. Sono idee che circolano da oltre 20 anni.

Chi è il volto dietro a Bitcoin?

Rilasciando il Bitcoin nel 2019, Satoshi Nakamoto avrebbe beneficiato di un contesto favorevole. In effetti, nel 2008 e nel 2009 l’immagine delle banche è stata offuscata, incoraggiando così il desiderio di cambiamento. Tuttavia, l’aspetto mitologico del Bitcoin non è una novità nella storia del denaro, secondo il prof. Ludovic Desmedt. E come in tutti i miti, i suoi seguaci sono tentati di capirne i misteri: la caccia all’identità di Satoshi Nakamoto è iniziata.

Nel 2014, la rivista americana Newsweek credeva di essere entrata in possesso del vero Satoshi Nakamoto. La rivista ha intervistato un uomo di nome Dorian Satoshi Nakamotoche si dice sia l’inventore della criptovaluta. Ma lo stesso giorno l’uomo in questione ha negato le accuse. Pur dichiarando di essere un ingegnere, insiste sul fatto che “non ha alcun legame con la Bitcoin.

Nel 2015, i giornalisti di Wired pensavano di aver scoperto chi si nascondeva dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. L’articolo fa esplicitamente il nome dell’uomo d’affari australiano Craig Steven Wright, mostrando che ci sono diversi indizi che lo fanno ritenere un candidato forte per il ruolo di padre della Bitcoin.

L’accademico considera Nick Szabo come potenziale candidato, anche se questa teoria deve essere vista in retrospettiva. Tra il 1995 e il 2005, questo ex attivista ha sviluppato una moneta decentralizzata chiamata Bit Gold. Il creatore del Bitcoin ? Si è difeso come l’ideatore della prima criptovaluta.

Hal Finney è anche uno dei candidati meno probabili. Questo sviluppatore è stato il primo a ricevere un Bitcoin da Satoshi Nakamoto. “È stato coinvolto nella nascita del Bitcoinsenza pretendere di essere Satoshi Nakamotobasato su Jean-Paul Delahaye. Nel 2008 è stato trovato anche uno scambio tra i due individui.

Satoshi Nakamoto: la sua identità sta per essere rivelata

Molti esperti e analisti hanno cercato di determinare l’identità dell’uomo dietro la prima criptovaluta, utilizzando vari metodi. Tra i candidati al titolo di creatore di BitcoinSi può citare Adam Back. È il creatore di un sistema proof-of-work chiamato Hashcash.

Questo sistema è stato originariamente progettato per ridurre lo spam. In seguito è stato utilizzato come parte di un algoritmo di analisi dei dati. Bitcoin e altre criptovalute. Va notato che l’idea che possa essere Satoshi esiste da tempo nella comunità crittografica, ma lui stesso ha smentito tali affermazioni.

Tuttavia, ci sono altri argomenti a sostegno del coinvolgimento di Adam nella creazione della prima criptovaluta. Le discussioni su queste prove sono iniziate di recente su Twitter. Secondo quanto riportato, tutti i compilatori e i linker generano un’impronta digitale unica basata sulla configurazione e sulle impostazioni del computer. Allo stesso tempo, un recente studio ha rivelato che la traccia trovata sul Hashcash è identico a quello presente in Bitcoinil che suggerisce che entrambi sono stati creati sullo stesso computer.

Certo, Adam Back non ha ancora ammesso di essere Satoshi Nakamotoanche se molti ci credono. Detto questo, anche se ci sono nuove prove a favore di questa versione, molti dissidenti hanno messo in dubbio le prove fornite da coloro che credono effettivamente che Adam Back creato Bitcoin. In ogni caso, anche se questo studio è probabilmente in grado di sostenere le sue rivelazioni, nessuno è ancora stato in grado di dimostrare in modo conclusivo il suo punto di vista, suggerendo che l’identità di Satoshi rimane anonimo.

Ciò che è certo è che Satoshi è attualmente molto ricco. Possiede più di un milione di Bitcoin. Ciò equivale a circa 5 miliardi di dollari di patrimonio netto odierno! Infatti, Satoshi ha gestito il blocco Genesis nel gennaio 2009. Ha smesso ufficialmente di comunicare nel 2010. Da allora, è ancora possibile controllare sul registro di blocco che il suo Bitcoin non sono stati utilizzati o spesi. Questo dimostra che Satoshi possiede ancora il milione Bitcoin registrati al suo indirizzo nel 2009 e nel 2010.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *