Bitcoin – attacco DDoS o indigestione di Ordinals?

Bitcoin - attacco DDoS o indigestione di Ordinals?
⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
Donnez une note

È stato un fine settimana intenso per la blockchain Bitcoin. Soprattutto domenica, quando si è verificato un attacco DDoS alla blockchain Bitcoin. le sue commissioni di transazione hanno raggiunto il massimo storico di oltre 20 dollari in media. Come diretta conseguenza, le transazioni sono rimaste bloccate per ore prima di poter passare attraverso la sua rete congestionata. E poiché le buone notizie non arrivano mai da sole, alcune voci hanno immediatamente prospettato la possibilità didi un possibile attacco DDoS (denial of service). in corso.

Per aggiungere benzina al fuoco, la piattaforma Binance ha annunciato contemporaneamente – e in due occasioni successive – che una sospensione dei prelievi in BTC per i suoi utenti. Un’operazione che sta causando ancora più stress, nonostante la spiegazione dell’exchange che sta semplicemente adeguando le sue commissioni all’attuale esplosione. Ma in questa cacofonia digitale, che è già a livelli storici, un unico epicentro rimane invariabilmente puntato su Gli ordinali ‘NFT’.

Gettoni NFT

Bitcoin vs Ordinals – Il protocollo NFT della discordia

NotizieCriptovalute.it – 30 Gen 2023 – 09:24

Fino ad ora, le NFT sono state riservate a reti diverse da quella di […]

Per saperne di più

Bitcoin – Vittima di un attacco DDoS?

La situazione in cui si è trovata la rete Bitcoin durante il fine settimana è già scritta nella sua breve storia. Per la prima volta dal 2017, infatti, i costi di utilizzo della rete hanno superato la ricompensa pagata ai minatori. Secondo l’account Twitter trevor.btc a blocco minato solo poche ore fa rappresentato da solo un totale stimato di 6,76 BTC (circa 195.500 dollari). Tuttavia, dopo l’ultimo dimezzamento, la ricompensa pagata ai minatori per ogni blocco elaborato è di 6,25 BTC.

E chiaramente non c’è traccia di un calo di questa attività all’inizio della settimana. Perché secondo i dati del spazio mempool, il prossimo blocco in attesa di essere processato ha già un importo di commissioni superiore alla famosa soglia di 6,25 BTC.

Le fortune digitali vanno dritte ai minatori di BTC che si staranno sfregando le mani in questo momento. Per queste commissioni si aggiungono alle ricompense che già ricevono, al punto da raddoppiare il loro reddito.

Ma allo stesso tempo, questa attività insolita solleva lo spettro di un possibile attacco DDoS (denial of service) alla rete Bitcoin. Un esercizio in cui il modus operandi è di inondare una blockchain con transazioni considerate dannose per renderla inutilizzabile per annegamento. Ma dato che le transazioni e le commissioni continuano a esplodere a livelli record, alcuni sostengono che questa sia solo una conseguenza del successo che finalmente viene rivelato. Al centro di questa adozione, gli Ordinals “NFTs” realizzati in Bitcoin…

“La mempool di Bitcoin viene finalmente utilizzata e i maxi presentano questo fatto come un attacco DoS alla propria rete. Non hanno nemmeno preso in considerazione gli scenari più elementari, come “Bitcoin sta diventando popolare e la gente è disposta a pagare per usarlo.”

0xfoobar

Bitcoin

Di fronte al nervosismo delle banche statunitensi, che ne sarà del Bitcoin?

Nathalie E. – 03 maggio 2023 – 14:58

Da marzo il settore bancario statunitense si è indebolito. Diversi […]

Leggi tutto

Bitcoin – Vittima dell’indigestione di Ordinals?

L’attuale esplosione di attività sulla rete Bitcoin non è iniziata questo fine settimana. In realtà, questo aumento da record ha origine dalla comparsa degli ormai famosi Ordinals. Le “NFT” applicate alla rete Bitcoin, il cui sviluppo esponenziale preoccupa alcuni analisti quanto entusiasma gli appassionati di speculazione. Con registrazioni hanno superato i 4,6 milioni di unità.

E infine, non possiamo considerare che la frenesia degli Ordinals è anche paragonabile a un attacco DDoS (distributed denial of service) ? Perché mentre alcuni si divertono a speculare su questi “artefatti digitali” BRC-20 – paragonabili al traffico maligno – i piccoli utenti della blockchain Bitcoin non possono più concludere le loro transazioni. E che senso ha questa “moneta digitale peer-to-peer” se le transazioni nei Paesi emergenti subiscono commissioni alle stelle? sopra i 30 dollari !

Un’osservazione fatta da molti analisti su Twitter, come il membro di Bitcoin Magazine Dylan LeClerc per il quale ” non fa differenza nel lungo periodo. ” O l’operatore del nodo Bitcoin iris.to/jogi spiegando, non a caso, che “non ci è voluto molto perché gli Ordinari passassero all’attacco DoS”. Ma la vera domanda rimane: chi trae vantaggio dal crimine?

Sembra esserci un “attacco” a Bitcoin. La banda di Ordinal / Big Blocker? Stanno spingendo le registrazioni casuali e pagano commissioni elevate. Intasano la mempool e aumentano la tariffa complessiva per includere una transazione nel blocco. Ciò che non è chiaro è quale sia lo scopo.

Toma B

Alcuni considerano un’attività svolta dai minatori per aumentare il loro reddito. Ma in ogni caso, tutto lascia pensare che gli Ordinals abbiano un legame diretto con questa crisi che scuote la blockchain di Bitcoin. Come diretta conseguenza dell’emergere di questi artefatti digitali, è stata ulteriormente evidenziata l’incapacità di Bitcoin di affermarsi come vera e propria moneta digitale.

Scoprite l’entusiasmante mondo delle criptovalute suPiattaforma PrimeXBT ! Accumula e scambia i tuoi primi bitcoin ed ethereum in tutta sicurezza, godendo di uno sconto a vita sulle tue commissioni di trading (link commerciale)

Protected by Copyscape

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.