Analisi di Bitcoin ed Ethereum – Prezzi di BTC ed ETH lunedì 09 gennaio 2023 – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
Donnez une note

Nonostante una buona prima settimana del 2023 per gli indici azionari, le attuali incertezze dei mercati finanziari si sono appena attenuate. Ad esempio, sebbene l’inflazione negli Stati Uniti abbia raggiunto il picco massimo, rimane a livelli elevati rispetto al 2008. Questo non depone a favore della flessibilità della politica monetaria della FED. Da qui la mancanza di movimento dei prezzi di BTC ed ETH che persiste dal crollo di FTX.

In un contesto già di per sé confuso, passiamo in rassegna le ultime analisi tecniche di Bitcoin ed Ethereum in unità settimanali. Con la speranza che uno scenario di mercato decanti.

Comprare Criptovalute

 

Bitcoin in unità settimanali – Finalmente un vero rimbalzo sopra i 16.000 dollari?

Ora asiatica, Il Bitcoin si è risvegliato bruscamente per sfondare finalmente la barriera dei 17.000 dollari con maggiore facilità. Se da un lato è una forzatura, dall’altro permette al MACD e all’RSI di mantenere il loro slancio verso la linea dello zero e la zona di neutralità a 50 rispettivamente. Inoltre, abbiamo ancora divergenze rialziste tra i prezzi del BTC e gli indicatori tecnici. Ma per ora c’è ancora molta strada da fare per convalidarli.

Analisi settimanale del prezzo del Bitcoin - 09 gennaio 2023

E per una buona ragione, la Fase 4 di Weinstein sarebbe ben lungi dall’essere abortita dagli acquirenti. Anche se perde di intensità a causa di una media mobile a 30 settimane (MM30 weekly), che a sua volta vede la sua pendenza al ribasso piegarsi in modo significativo. Tuttavia, le resistenze devono essere infrante. Per il grafico settimanale di cui sopra, Gli acquirenti restano in attesa di segnali favorevoli.

Sempre che il ritorno a 16.000 dollari sia confermato per sempre, potremmo far salire i prezzi del Bitcoin con la prospettiva di raggiungere i 20.000 dollari.che si è trasformato da supporto a resistenza al momento del crollo di FTX. Ma come abbiamo detto in precedenza, ci vorranno più di 20.000 dollari per assistere a un pullback del mercato orso. Per questo motivo Il ritorno all’area dei 26.000-30.000 dollari sarebbe potenzialmente un punto di partenza importante per gli acquirenti.

Al contrario, la rottura di 16.000 dollari affosserebbe psicologicamente gli acquirenti con una terza ondata di correzione verso 12.000 dollari. In tal caso, l’attuale bearrun convergerebbe agli standard storici di questi precedenti nel 2014 e nel 2018.

Ethereum in unità settimanali – possibile ritorno a 1400?

Ethereum gode di una posizione migliore in termini di unità settimanali rispetto a Bitcoin. Se il mercato ribassista dall’ultimo ATH del novembre 2021 rimane, ha il merito di non toccare i minimi di metà giugno 2022 per evitare la comparsa di una terza ondata di correzione. Tuttavia, le resistenze sopra la sua testa non sono state infrante finora, nonostante i molteplici tentativi.

Ma dopo le buone notizie monetarie provenienti dalla Cina, I prezzi dell’ETH si stanno avvicinando a 1400 dollari. Tanto che attualmente 1200 dollari fungono da supporto. Allo stesso tempo, gli indicatori tecnici si stanno muovendo al rialzo. Ma quanto è difficile rinnovare il contatto verso le rispettive linee di galleggiamento.

Supponendo che stiamo cavalcando l’attuale slancio di questo inizio settimana, la possibilità che Ethereum sfondi quota 1400 dollari comporterebbe un rimbalzo verso quota 1700 dollariuna resistenza che gli acquirenti hanno superato. E se dovesse sorridere ancora di più, i prezzi potrebbero essere spinti verso i 2.000 dollari.

In caso contrario, la rottura di 1200 dollari ci riporterebbe a 1000 dollari, non lontano dai minimi dello scorso anno. E dopo non dovrebbe essere più complicato. Perché è questo il punto, una rottura secca sotto i 1000 dollari innescherebbe una nuova ondata di correzione verso i 700 dollari.

BTC e ETH – Mercati orso in stallo ma acquirenti ancora assenti

Sebbene il mercato orso di Bitcoin ed Ethereum non stia più accelerando al ribasso, è chiaro che gli acquirenti non si stanno impegnando per invertire la tendenza. E a livello puramente grafico, Le resistenze si stanno rivelando muri difficili da abbattere. Per la precisione, tutti i rimbalzi dalla scorsa estate sono stati venduti.

A questo si aggiunge una crisi di fiducia nelle criptovalute a seguito di episodi scandalosi (il crollo di Luna e il fallimento di FTX), che rischierebbe di bloccarsi nel momento in cui tutti gli abusi saranno in parte debellati. E in secondo luogo, il passaggio da un ciclo disinflazionistico a uno inflazionistico indurrebbe la FED a esitare maggiormente sull’allentamento monetario. Di conseguenza, Bitcoin ed Ethereum potrebbero perdere il loro principale supporto rialzista, la liquidità delle banche centrali.

Pertanto, investitori abituati alla Le cattive notizie sono buone notizie per quasi quattordici anni, cadevano dalla sedia. L’ipotesi che la FED non intervenga a spegnere l’incendio aprendo le valvole della liquidità, significherebbe chesta emergendo un nuovo paradigma monetario. Con l’aspettativa che l’inflazione si stabilizzi su livelli più elevati negli anni 2020.

In questo caso, i modelli di investimento degli ultimi quattro decenni verrebbero in parte messi in discussione. E per BTC ed ETH, che non si sono evoluti in un ambiente inflazionistico sostenibile, ci troviamo ora in acque inesplorate.

Comprare Criptovalute

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.