Analisi del Bitcoin – Un rimbalzo notevole merita l’attenzione degli acquirenti’- notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.8/5 - (9 votes)

Come sempre dagli ultimi massimi del novembre 2021, la vera domanda è se questo rimbalzo notevole sarebbe l’ennesimo tecnico o che potrebbe finalmente attirare l’attenzione dei compratori per porre fine a questo bearrun. Al momento sarebbe troppo presto per dare una risposta definitiva. Ci sono ancora molti fattori da chiarire.

L’ultima analisi tecnica suggerisce che i prezzi del BTC stanno ritestando le soglie abbandonate durante il crollo di FTX. Tanto che i giorni e le settimane a venire diventeranno interessanti da seguire. Questo ci darebbe qualche indicazione sul morale di acquirenti e venditori.

In un contesto che sembrerebbe allentare la tensione in tutte le classi di attività rischiose, in vista del 2023, Esaminiamo i possibili scenari per il Bitcoin dopo il potente rimbalzo di ieri.

Bitcoin in unità settimanali – La fase 4 di Weinstein finalmente minacciata?

Senza grandi sorprese dell’ultimo minuto, Il Bitcoin dovrebbe registrare la seconda settimana consecutiva di guadagni. Soprattutto perché non è lontano dalla soglia dei 20.000 dollari con segnali che potrebbero preoccupare i venditori. Con queste premesse, gli acquirenti possono essere in grado di mettere la testa a posto.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 13 gennaio 2023

In primo luogo, i prezzi stanno convergendo verso la media mobile a 30 settimane (MM30 weekly), che a sua volta è piatta. Ciò significa che La Fase 4 di Weinstein sarebbe stata presto minacciata. In secondo luogo, gli indicatori tecnici stanno riprendendo slancio tornando vicino alle rispettive linee di galleggiamento. Infine, l’attraversamento della linea discendente, da tempo obsoleta, verrebbe nuovamente supportato.

Supponendo che il rimbalzo continui, non solo I prezzi del BTC si offrirebbero contemporaneamente ai 20.000 dollari e alla MM30 settimanale con l’obiettivo di salire a 26.000 dollari. Ma, ciliegina sulla torta per gli amanti dell’analisi tecnica, convalidiamo due segnali forti. Il primo sarebbe la transizione dalla Fase 4 Weinstein alla Fase 1 con una MM30 settimanale che si stabilizzerebbe. Mentre quest’ultimo convaliderebbe le divergenze rialziste sul MACD e sull’RSI.

Se questo scenario dovesse verificarsi, allora Il mercato orso del Bitcoin dall’ultimo ATH del novembre 2021 rischierebbe di essere neutralizzato in prima battuta. E giustamente, perché ci sono molte resistenze che devono essere infrante perché i venditori ammettano la sconfitta.

Bitcoin in unità giornaliere – media mobile a 200 giorni all’interno del range

Il movimento al rialzo dei prezzi dei Bitcoin di ieri, avvenuto in due parti: una durante la sessione asiatica e l’altra in seguito alla pubblicazione degli ultimi dati sull’inflazione negli Stati Uniti, ha favorito un movimento verso la media mobile a 200 giorni sopra i 20.000 dollari. Parallelamente, gli indicatori tecnici hanno subito una violenta impennata in unità giornaliere.

Analisi giornaliera del prezzo del Bitcoin - 13 gennaio 2023

Se il MACD si è finalmente riportato al di sopra della linea dello zero, l’RSI ha fatto un passo avanti portandosi ben al di sopra della zona di ipercomprato. A prima vista, molti investitori ritengono che il potenziale di rimbalzo sia ormai limitato. Ma in pratica, un RSI ipercomprato può alimentare il sentimento rialzista di breve termine. A condizione che vi sia una convalida dei segnali tecnici. Il che è davvero il caso quando i prezzi del BTC hanno rotto il supporto intermedio di 18.000 dollari.

In questa situazione attuale, non sarebbe da escludere una continuazione del rimbalzo oltre i 20.000 dollari e la MM200 giornaliera. Con la speranza che il Bitcoin cancelli le perdite subite al momento del fallimento di FTX. E al momento in cui scriviamo, è chiaro che siamo a metà strada. Per chiudere questo sfortunato capitolo dello scorso novembre, è indispensabile una chiusura precisa al di sopra di 20.669 dollari.

Ma affinché gli acquirenti possano effettivamente muoversi, è necessario rompere la resistenza di 22.000 dollari. In tal caso, potremmo considerare un ritorno al livello di 26.000 dollari. In caso contrario, un pullback al di sotto dell’ATH del 2017 porterebbe a un eventuale rifiuto dei prezzi al di sotto di 18.000 dollari, che a sua volta ci riporterebbe verso 16.000 dollario il punto di partenza degli ultimi due mesi del 2022.

BTC – La necessità di tornare verso 26.000 dollari

L’enorme rimbalzo a cui stiamo assistendo in questo momento probabilmente metterà sotto pressione i ritardatari intorno al supporto di 16.000 dollari, non i venditori più esperti. E finché 20.000 dollari resteranno una resistenza, il processo di neutralizzazione del mercato ribassista del Bitcoin dall’ultimo ATH del novembre 2021 non sarà necessario.

Bitcoin e il settimanale MM200 - 13 gennaio 2023

D’altra parte, se l’ATH del 2017 dovesse tornare a essere un supporto, la probabilità di una ripresa verso i 26.000 dollari guadagnerebbe terreno. Soprattutto perché questo scenario sarebbe importante a livello psicologico. Per l’appunto, I prezzi del BTC rinnoverebbero settimanalmente il contatto con la MM200. Una rottura al di sopra di questa media mobile potrebbe cambiare l’equilibrio di potere tra acquirenti e venditori.

Ma nonostante quanto detto, gli acquirenti avrebbero bisogno di importanti catalizzatori fondamentali per evitare che il rimbalzo sia tecnico. Ecco perché gli investitori devono tenere d’occhio in particolare il mercato obbligazionario e non il mercato azionario. Non solo, l’aumento dei tassi nel 2022 non sarebbe così transitorio come previsto. Ma potrebbe segnalare l’emergere di un ciclo inflazionistico. Questo rimescolerebbe le carte in tavola tra le classi a rischio.

Pertanto, una ripresa dei rendimenti obbligazionari sostenuta dal dollaro e da una Fed ferocemente determinata a mantenere una politica monetaria restrittiva nel 2023, rimetterebbe in sella i venditori. In questo caso, lo scenario di una terza ondata di correzione del Bitcoin non rimarrebbe irrealizzato. E così avrebbe il merito di ripulire i vari segmenti che circondano l’industria delle criptovalute.

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.