Un nuovo disegno di legge statunitense classifica il Bitcoin come una commodity – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.6/5 - (8 votes)

Quattro senatori statunitensi della Commissione Agricoltura hanno presentato una proposta di legge che classifica il Bitcoin e le altre criptovalute come una merce. La mossa darebbe alla Commodity Futures Trading Commission (CFTC) maggiori poteri di supervisione del settore.

Una seconda proposta di legge renderebbe la CFTC l’organo di vigilanza dominante del settore delle criptovalute.

Un secondo disegno di legge è stata appena proposta al Senato degli Stati Uniti per regolamentare le criptovalute, ampliando la categoria delle commodity. D’ora in poi, La “merce digitale” potrebbe essere uno standard normativo applicabile a molte criptovalute.. Ma questo nuovo sforzo legislativo, per quanto lodevole possa essere, non risponde ancora all’importante questione di distinguere chiaramente tra le criptovalute che rientrano nella categoria delle materie prime e quelle che rientrano nel regime dei valori mobiliari. Oggi, solo il Bitcoin sembra avere il consenso.

 

Nonostante questo grosso ostacolo, il nuovo progetto, se dovesse diventare legge, non sarebbe in grado di soddisfare le esigenze di tutti i cittadini, concederebbe alla CFTC l’autorità di sorvegliare i mercati delle criptovalute.. La CFTC, che finora ha regolamentato solo i suoi derivati, come i futures sul BTC, potrebbe ora regolamentare anche l’asset sottostante.

La Securities and Exchange Commission (SEC) sarebbe comunque responsabile di definire se una particolare cripto è una commodity. A tal fine, l’autorità di regolamentazione dispone di un arsenale di strumenti, tra cui il famoso “test di Howey” che, dagli anni ’30, definisce cosa sia o non sia un titolo finanziario. Ma per il momento continua, con grande disappunto dell’industria, a mantenere una vaghezza poco artistica sulla questione.

La CFTC mantiene la linea sull’imminente regolamentazione delle criptovalute

L’intenzione dichiarata è quella di omogeneizzare una normativa che fatica ad unificare come dichiarato La senatrice Debbie Stablenow, presidente della commissione che ha presentato la legge.

Al momento esiste un mosaico di normative statali e nessuna agenzia federale che vigili sulle criptovalute, e sappiamo che questo deve cambiare. Stiamo colmando il divario normativo e chiediamo che questi mercati operino secondo regole semplici che proteggano i clienti e mantengano sicuro il nostro sistema finanziario.

Infatti, se approvato, i partecipanti al mercato delle criptovalute dovranno registrarsi presso l’agenzia federale. Un requisito accolto con favore dal CEO di FTX. Egli ha assicurato che la sua azienda sarebbe stata lieta di sottoporsi al nuovo regime proposto.

Sono davvero felice di vedere (…) introdurre una legislazione forte per portare la protezione dei clienti e la supervisione federale alle criptovalute (…) Questo fornirebbe una chiara supervisione federale dei mercati dei beni digitali. (…) Troveremmo costruttivo e salutare registrarci sotto tale regime, portando finalmente una protezione e una supervisione completa dei clienti per identificare i mercati delle criptovalute negli Stati Uniti. Ciò aumenterebbe la liquidità, combattendo al contempo i cattivi attori dell’ecosistema.

Sam Bankman-Fried su Twitter

Il presidente della CFTC, Rostin Behnam, che da tempo lotta per collocare la sua agenzia in una posizione di rilievo. in prima linea nell’attuazione delle prossime normative sulle criptovalute, ha accolto con favore la nuova iniziativa. Dopo che la legge sull’innovazione finanziaria introdotta a giugno dai senatori Cynthia Lumnis e Kirsten Gillibrand ha già conferito alla CFTC il potere di supervisionare il settore, l’agenzia federale potrebbe finire per assumere il ruolo di guida della SEC di Gary Gensler.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *