Tron (TRX) – Una stablecoin algoritmica USDD presentata come “ipergarantito” – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.6/5 - (14 votes)

 

Nell’elenco delle attuali bandiere rosse piantate nelle terre digitali, le stablecoin algoritmiche sono sicuramente in prima linea nel mirino. E quale modo migliore di cavalcare questa tendenza se non quello di aggiungere un’altra fonte di sfiducia, con la blockchain Tron (TRX). Perciò siamo chiari fin dall’inizio: questo articolo non è in alcun modo un consiglio di investimento. Tuttavia, la recente implementazione di questa criptovaluta USDD, per il momento stabile, proietta attualmente il TVL di questa rete nella top 3 del settore DeFi. Appare quindi necessario fornire un aggiornamento su questo progetto, che viene presentato come “ipergarantito”.

Il crollo della stablecoin UST ha portato a una vera e propria crisi di stabilità nel settore delle criptovalute. Con gli investitori in preda a una paura estrema a livelli storici. E un Bitcoin ancora bloccato sul livello di 30.000 dollari, senza una vera direzione… che nessuno è davvero sicuro di voler trovare. Ma questa situazione desolante non impedisce ad alcune reti di perseguire sviluppi rischiosi. Questo è un settore in cui la blockchain Tron (TRX) è esperta.

Infatti – ed è meglio saperlo -. la blockchain sviluppata dal controverso Justin Sun non è sicuramente unanime nel settore delle criptovalute. Soprattutto perché basa il suo principio di sviluppo su una moltitudine di copia/incolla casuali di tutto ciò che funziona altrove. Per questo motivo il 5 maggio è stata lanciata la stablecoin algoritmica USDD. Ciò è avvenuto pochi giorni prima dello storico crollo della versione iniziale dell’UST, il cui precipitare mortale è iniziato il 9 maggio. Ops…

Tron – Una moneta stabile in USDD “ipergarantita

La moda delle stablecoin algoritmiche ha subito un duro colpo. Tuttavia, alcune reti stanno continuando questa avventura, contro diffidenze e pregiudizi che a volte non sono così lontani dall’essere giustificati. Un fatto rimane innegabile: il settore delle criptovalute ha indubbiamente bisogno di uno strumento di questo tipo. Forse anche una versione completamente distaccata dal dollaro, che sembra ancora più lontana, ma che si sta sperimentando. Si tratta infatti di versioni di prova in scala reale applicate a un’economia digitale altrettanto sperimentale. E le recenti modifiche alla versione USDD della rete Tron fanno parte di questa dinamica.

Infatti, in un recente annuncio di Justin Sun si leggeun aumento della capacità di collaterale della sua moneta stabile USDD. La quantità di bitcoin è salita a 14.000 unità (circa 330 milioni di dollari). E un importo totale che ora si avvicina ai 9,1 miliardi di dollari. Con 240 milioni di USDT e quasi tutti (8,55 miliardi di dollari) in criptovalute TRX. Di questi, 8,29 miliardi di unità (7,8 miliardi di dollari) sono stati collocati in un “contratto di masterizzazione”.

Il rapporto di garanzia di USDD è attualmente superiore al 200%! Essendo una delle monete stabilizzate decentralizzate più sicure, l’USDD beneficia di un rapporto di garanzia collaterale di almeno il 130%. Si tratta di un valore superiore al 120% fissato dal DAI, considerato un esempio del settore.

USDD 5 giugno 2022

Ma l’esperienza di UST suggerisce che le riserve di criptovalute native della rete in questione sono di scarsa utilità una volta che la depeg impegnati. Anche con un rapporto di garanzia attualmente fissato al 200%..

USDD – Una stablecoin algoritmica “ibrida

La vera differenza di questa stablecoin USDD è il suo carattere “ibrido”. Cioè, a metà strada tra una versione puramente algoritmica e una versione “correttamente supportata”. nelle parole di Justin Sun. Ciò comporta la detenzione di altre monete stabili, come USDT di Tether, ma anche – e in misura minore – USDC, TUSD e USDJ di Circle. Con un USDD che attualmente ha 668 milioni di dollari di marketcap (o unità in circolazione). E un sito web dedicato alla visualizzazione del suo rapporto di garanzia, che si attesta al 226%. Per un totale di 1,5 miliardi di dollari bloccati.

Vogliamo mettere la stablecoin USDD a livello a un modello ibrido. Quindi da un lato abbiamo una stablecoin algoritmica – un algoritmo che la rende stabile – dall’altro abbiamo la riserva DAO di TRON.

Justin Sun

Ma attualmente, la stragrande maggioranza delle riserve detenute per garantire questa stablecoin USDD è stata conferita dal progetto Tron. Anche se Justin Sun ha dichiarato la sua ambizione di aggiungere capitale da investitori esterni nel prossimo futuro, senza specificare chi, quando o come. Questi ultimi possono essere motivati (accecati?) da un aumento significativo del TVL DeFi della rete Tron, da 4,74 miliardi di dollari a 6,22 miliardi di dollari da quando ile Lancio dell’USDD. E molto vicino al massimo storico, per ora raggiunto a 6,7 miliardi di dollari nel novembre dello scorso anno.

In ogni caso, questo progetto va gestito con cautela. Proprio come il Tron Network (TRX), che ha una reputazione spesso più sulfurea che seria. Soprattutto considerando i tassi che Justin Tron pubblicizza per depositare USDD sulla piattaforma di prestito JustLend.. Quest’ultimo è un copia/incolla del Protocollo di Ancoraggio (ANC) sviluppato su Terra (ora Classic). Attualmente sono fissate al 17,67%, ma si spera (da parte di Justin Sun) di arrivare a “circa il 30%” nel tempo. Mentre il 20% del protocollo Anchor è considerato una delle principali cause aggravanti del crollo della stablecoin UST. No comment…

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *