Portogallo – La Banca centrale esamina 12 domande di licenza – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.7/5 - (12 votes)

Nel giro di pochi mesi, il Portogallo si è affermato come destinazione d’elezione per i giocatori di criptovalute. Grazie a una politica favorevole e a una tassazione attualmente bassa, il Paese è diventato di fatto l’Eldorado di questa nuova economia digitale all’interno dell’Unione Europea.

Tuttavia, questa affermazione deve essere temperata. Mentre alcuni attori dell’ecosistema sono già riusciti a ottenere una licenza che concede loro il diritto di operare legalmente sul territorio, il fatto che il Paese non sia ancora riuscito a farlo è fonte di preoccupazione, alcune banche commerciali locali si trovano in una dinamica molto diversa. Infatti, le principali banche del Paese, Caixa Geral de Depósitos, BCP, Santander, Abanca e BiGEt, hanno deciso di chiudere i loro conti. O semplicemente rifiutarsi di aprirne di nuovi. E ciò nonostante l’autorizzazione concessa dalle autorità monetarie. Purtroppo per il Portogallo, l’autorità finanziaria sembra non riuscire a gestire questa situazione. Questo perché va oltre l’ambito delle proprie competenze. Questa competenza riguarda esclusivamente la prevenzione del riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo.

La decisione di aprire o mantenere conti bancari in questi casi dipende dalle politiche di gestione del rischio che ogni istituto bancario intende intraprendere.

Autorità finanziaria del Portogallo.

Tuttavia, va notato che questo fenomeno non impedisce la presentazione di nuove domande di licenza. Infatti, la Banca Centrale ha appena annunciato che 12 società del settore delle criptovalute hanno depositato. L’obiettivo è ottenere la licenza e stabilire una presenza permanente nel Paese.

Per la cronaca, sono cinque le aziende che attualmente detengono questa famosa licenza in Portogallo. Si tratta di Criptoloja, Mind the Coin, Digital Luso, Utrust e Bison Digital Assets.

Licenza del Portogallo per svolgere legalmente le proprie attività

Seguendo l’esempio del regime PSAN francese – e di altri regimi simili che stanno gradualmente sorgendo in tutto il mondo – il possesso di una licenza consente all’attore interessato di avviare un’attività in Portogallo. conformità alle normative locali. E di fornire legalmente servizi su beni digitali. E mentre la Banca Centrale annuncia che 12 casi sono attualmente sotto esame, ci si chiede chi siano.

licenza bancaria portoghese

A questo proposito, si legge che tra le 12 entità che intendono offrire servizi legati alle criptovalute in Portogallo c’è la piattaforma di scambio di criptovalute più conosciuta al mondo, Binance. A priori fiducioso sul risultato che verrà comunicato, ha già assunto parte del suo team e le offerte sono attualmente disponibili.

La decisione finale dell’autorità è attesa per la fine dell’anno. Compresi gli altri 11. Se tutti Se le domande saranno approvate, il Portogallo avrà un totale di 17 attori registrati.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.