Nexo commenta pubblicamente il caso della SEC contro Ripple XRP

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.1/5 - (15 votes)

Nexo, uno dei principali scambi di token e piattaforma di prestito, ha commentato pubblicamente le questioni riguardanti il caso della SEC contro Ripple, e la sua decisione di sospendere le posizioni XRP nel suo scambio, così come le linee di credito temporanee, e i rimborsi.

Come molte aziende nello spazio delle criptovalute, Nexo ha scelto di abbandonare XRP dalla sua offerta di prodotti alla fine del 2020.

La Securities and Exchange Commission (SEC), l’ente normativo statunitense responsabile dei mercati finanziari, ha intentato una causa contro Ripple Labs nel 2020, che ha temporaneamente fatto scendere il prezzo di XRP.

Oggi, la situazione sembra diversa e secondo Nexo, la società è stata attaccata per la sua decisione di abbandonare XRP.

In un recente post sul blog, lo scambio è andato a verbale e ha dichiarato quanto segue

Nexo è stata soggetta ad attacchi aggressivi di diffamazione e ricatto attraverso vari media e canali di comunicazione da diversi ex clienti liquidati in seguito al crollo di XRP del dicembre 2020
Poiché i tentativi di risolvere in via extragiudiziale non sono stati accettati dagli individui in questione, Nexo sta intraprendendo un’azione legale
L’azienda dice che qualsiasi ulteriore attacco alla sua reputazione, comprese le cause infondate, sarà affrontato con la stessa severità e attraverso gli strumenti e i meccanismi legali applicabili.

La SEC ha creato una situazione in cui le aziende che volevano evitare problemi nel mondo occidentale hanno dovuto considerare la reazione che potrebbero affrontare se continuassero a trattare con XRP e Nexo ha preso la strada sicura, e ha lavorato per seguire un ambiente normativo.

Nexo non era solo

Quando la SEC ha intentato una causa contro Ripple alla fine del 2020, molte grandi aziende non potevano procurarsi XRP abbastanza velocemente.

Poiché gli Stati Uniti hanno dato poche indicazioni solide su ciò che le criptovalute sono in realtà da un punto di vista normativo, al di fuori dei beni tassabili, quindi non dovremmo essere sorpresi che quando ci sarà una causa – le aziende presteranno attenzione.

Come ha detto Nexo nello stesso post –

“Per rispettare le leggi e i regolamenti applicabili nelle giurisdizioni in cui Nexo opera, siamo tenuti a rivedere tutti gli eventi nello spazio blockchain che possono influenzare negativamente il nostro status normativo e le operazioni commerciali, ed esporre l’azienda a rischi significativi, compresi, ma non solo, eventuali procedimenti amministrativi e legali che coinvolgono i beni digitali sostenuti da Nexo”.

Questo sentimento è senza dubbio vero, e qualsiasi impresa ha una responsabilità prima di tutto verso se stessa e verso chiunque la possieda.

Mentre non ci sono stati effetti discutibili tra i clienti della società, lo scambio stesso non è stato influenzato negativamente dalla sua decisione di abbandonare il trading di XRP in termini di azioni intraprese contro di esso dai regolatori statunitensi.

Una situazione difficile

Come un’entità ibrida che offre credito con criptovaluta in garanzia, Nexo e i suoi clienti sono soggetti a una serie di rischi. Alla fine dell’anno scorso, la combinazione Ripple ha mostrato quanto velocemente questi rischi possono manifestarsi.

Nexo dichiara:

“Le liquidazioni che sono seguite dagli utenti che non sono riusciti a rimborsare le loro linee di credito o a postare ulteriori garanzie quando il valore del loro collaterale XRP è diminuito sono di natura diversa. Le liquidazioni sono una procedura prevista dalla CGT e vengono attivate automaticamente da Nexo se il LTV aumenta oltre la soglia massima consentita dell’83,3%. Mentre, secondo la CGT, Nexo liquida effettivamente le linee di credito di supporto collaterale dai propri conti quando quel cripto-credito è in sospeso, quando si verificano le liquidazioni, Nexo sta smaltendo i propri beni digitali piuttosto che rendere servizi ai suoi clienti, come è il caso del servizio di riscatti e scambi standard di Nexo”.

Con l’evoluzione dell’ecosistema delle criptovalute, questi tipi di situazioni si presenteranno sempre.

Le perdite accadono, e quando un token importante come XRP può essere colpito da una causa, il danno per gli investitori può essere enorme.

Non c’è dubbio che molte persone che erano sul lato dell’acquisto del mercato XRP, o che avevano bisogno di esso per mantenere il valore come forma di garanzia, sono stati gravemente danneggiati finanziariamente quando il prezzo è sceso alla fine del 2020.

È praticamente impossibile che la mossa di XRP di fine 2020 sia l’ultima grande mossa nei mercati delle criptovalute o di un token importante.

Considerate i vostri rischi di conseguenza.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.