L’Iran completa il primo ordine di beni di importazione di criptovalute – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.6/5 - (15 votes)

L’Iran avrebbe finalizzato questa settimana il suo primo ordine di importazione di beni per un valore di 10 milioni di dollari, pagati in criptovalute. Una transazione che dovrebbe far presagire una lunga serie di questo tipo, permettendo di aggirare il severo embargo imposto dagli Stati Uniti.

L’Iran completa ufficialmente la sua prima transazione in criptovaluta per regolare un ordine di importazione

Secondo un filo tspiritello del Vice Ministro dell’Industria, delle Miniere e del Commercio Alireza Peyman Pak, L’Iran ha completato il suo primo ordine di commercio estero per 10 milioni di dollari di beni importati utilizzando criptovalute.

Questa settimana è stato effettuato con successo il primo ordine ufficiale di importazione con #رمز_ارز Vale 10 milioni di dollari. Entro la fine di settembre, l’uso delle criptovalute e dei contratti intelligenti sarà diffuso nel commercio estero con i Paesi target.

In altre parole, le aziende locali potranno ora utilizzare le criptovalute per regolare le transazioni con i partner stranieri.

La prima non è una sorpresa. L’idea era in cantiere da tempo.. L’Iran, che sta affrontando severe sanzioni economiche da parte degli Stati Uniti, ulteriormente inasprite quando il Paese si è rifiutato di vendere le sue ingenti risorse petrolifere in dollari, aveva già intrapreso passi in questa direzione nel 2020. All’epoca, il governo aveva emendato la legislazione esistente per obbligare i minatori che operano nel Paese a vendere parte dei loro bitcoin alla Banca Centrale con l’intento di utilizzarli per finanziare le importazioni.

 
Un Iran pionieristico

Richiamo che il governo iraniano ha ufficialmente legalizzato le operazioni di mining di criptovalute nell’agosto 2019 e ha dedicato tre centrali elettriche a questa attività. Una scala industriale che senza dubbio si sta preparando per l’attuale decisione come un articolo ha rivelato nel maggio 2021 che il paese ha generato il 4,5% di tutta l’attività mineraria di BTC a livello mondiale grazie all’afflusso di minatori dopo il divieto della Cina e all’energia a basso costo.

La mossa diventa così il primo passo verso l’adozione delle criptovalute nei regolamenti internazionali. Secondo i media locali, il ministero competente e la Banca centrale iraniana hanno concordato questo sviluppo.

Stiamo mettendo a punto un meccanismo per il funzionamento del sistema. Ciò dovrebbe offrire nuove opportunità agli importatori e agli esportatori di utilizzare le criptovalute nelle loro transazioni internazionali.

Questa prima transazione, il cui destinatario non è stato identificato più dei beni utilizzati, potrebbe essere un Paese anch’esso colpito da sanzioni statunitensi. Nel contesto attuale, viene ovviamente in mente la Russia, ma anche la Siria, l’Iraq, la Turchia… Senza però alcuna certezza.

In ogni caso, l’iniziativa iraniana va seguita con attenzione. La posta in gioco è alta per il paese, sempre più isolato economicamente, e potrebbe fungere da forza trainante per altri paesi che desiderano de-dollarizzare le proprie economie o sfuggire all’arbitrarietà delle sanzioni statunitensi.. Ma allo stato attuale delle cose, le informazioni sono troppo sommarie per poter proiettare ulteriori orientamenti salutari. Per il momento, manterremo il tentativo di creare un’alternativa al sistema egemonico in vigore, possibilmente utilizzando una risorsa non censurata e decentralizzata.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.