L’inflazione statunitense è aumentata più del previsto a giugno; Bitcoin & Ethereum fluttuano-Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
5/5 - (2 votes)

L’inflazione annuale negli Stati Uniti ha raggiunto il 9,1% a giugno, più di quanto previsto dagli analisti e in aumento rispetto all’8,6% di maggio. Ha raggiunto il livello più alto in oltre 40 anni.

In un mese, i prezzi sono balzati dell’1,3%, anch’essi più del previsto. Il cosiddetto Core-CPI (indice dei prezzi al consumo) annuale – che esclude i prezzi di cibo ed energia – si è attestato al 5,9%.

È un “ulteriore colpo al benessere economico e sociale”. Evidenzia i peggiori errori di politica della Fed da decenni a questa parte”, Mohamed A. El-Erian, presidente di Queen’s College a Università di Cambridge, reagito.

Subito dopo l’annuncio, il bitcoin (BTC) è sceso da oltre 19.900 dollari a meno di 19.100 dollari, mentre l’ethereum (ETH) è passato da 1.090 a 1.020 dollari. Tuttavia, entrambi i principali cripto-asset sono rimbalzati bruscamente. Alle 17:59 UTC, il BTC era di nuovo vicino a 19.900 dollari USA e non ha subito variazioni in un giorno, mentre l’ETH si è spostato al di sopra di 1.090 dollari USA e ha aumentato i guadagni giornalieri a quasi il 2%.

Secondo un articolo di Bloomberg stima L’inflazione complessiva di giugno dovrebbe attestarsi all’8,8% annuo, mentre il cosiddetto Core-CPI (indice dei prezzi al consumo) – che esclude i prezzi di cibo ed energia – dovrebbe attestarsi al 5,7%, in calo rispetto al 6% del mese precedente.

Il numero era stimato alto dopo Casa Bianca Karine Jean-Pierre, portavoce della Casa Bianca, durante la conferenza stampa di lunedì. ha dichiarato che si aspetta un’inflazione “molto elevata”.

Allo stesso tempo, la Casa Bianca ha colto l’occasione per sminuire l’importanza del numero, affermando che è “retrospettivo” e “già obsoleto”. Tra le altre cose, i prezzi del carburante negli Stati Uniti hanno sono scesi a una media di 4,63 dollari al gallone, rispetto agli oltre 5 dollari al gallone di un mese fa.

In vista della pubblicazione del rapporto sull’inflazione, Chris Weston, responsabile della ricerca presso il broker di forex e criptovalute Pepperstone, ha scritto in una nota , citato da Bloomberg che una lettura dell’inflazione globale inferiore all’8,5% potrebbe portare a uno scenario in cui il dollaro USA “crolla universalmente” e “le criptovalute salgono di oltre il 5%”.

Il commento è arrivato dopo che venerdì scorso Weston ha detto che “un grande numero di IPC” dovrebbe “consolidare le aspettative” di un aumento dei tassi di interesse di 75 punti base da parte della Commissione Europea. Riserva Federale degli Stati Uniti (Fed) il 27 luglio. Ha affermato che il mercato sta già prezzando “fermamente” tale rialzo, seguito da un aumento di 50 punti base a settembre.

Altri, come Tom Simons, economista del mercato monetario presso la banca d’affari Jefferies, raccontato CNBC che l’uscita del dato sull’inflazione provocherà probabilmente un rally di sollievo sui mercati, quasi a prescindere dal dato.

“Se il dato sarà superiore alle attese, riterremo che questo sia sicuramente il picco”, ha detto Simons, aggiungendo che i mercati saranno anche incoraggiati dal fatto che il ritmo dell’inflazione potrebbe rallentare se il dato sarà inferiore alle attese.

“In ogni caso, ci ritroveremo con una sorta di rally di sollievo”, ha detto Simons.

Nel frattempo, dal campo dei cripto-nativi, Alex Krüger, un popolare trader ed economista di cripto, ha dichiarato all’inizio della settimana che il suo punto di vista è che l’inflazione “sarà ancora più alta” dell’8,8% previsto, e che qualsiasi “grande calo [in asset prices] viene comprato”.

Oggi, dopo l’annuncio dei numeri dell’inflazione, ha detto che sono “troppo caldi”.

I continui rialzi dei tassi d’interesse negli Stati Uniti – che secondo molti sono uno dei principali fattori alla base dell’attuale mercato orso delle criptovalute – sono il risultato della determinazione della Fed a ridurre l’inflazione.

Secondo il presidente della Fed Jerome Powell, è “certamente possibile” che i rialzi dei tassi di interesse causino una recessione. Tuttavia, è ancora “assolutamente essenziale” ridurre l’inflazione, ha dichiarato Powell. ha dichiarato durante un’udienza del Congresso a giugno.

Secondo alcuni economisti, questo è esattamente ciò che potrebbe accadere: Laura Rosner-Warburton, economista senior di Prospettive MacroPolitiche, raccontando al Wall Street Journal “c’è un timore di recessione piuttosto serio che colpisce un’ampia gamma di prezzi degli asset”.

A partire da mercoledì, l’indicatore di recessione degli Stati Uniti di Bloomberg modello ha indicato una probabilità del 38% di recessione nei prossimi 12 mesi; Anna Wong, economista statunitense di Bloomberg Economics, ha affermato che il rischio è che una recessione possa “autoavverarsi”.

“Il rischio di una recessione all’inizio del 2023 è aumentato in modo sostanziale”, ha detto Wong.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.