Il governo statunitense intende vendere 41.500 BTC sequestrati da Silk Road

Il governo statunitense intende vendere 41.500 BTC sequestrati da Silk Road
⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
Donnez une note

Il governo statunitense è una balena del bitcoin? Sì, stando alla scorta di BTC sequestrata lo scorso novembre nell’ambito delle azioni contro un hacker del mercato nero online Silk Road. Una piattaforma che ha permesso l’acquisto di armi e droga in cambio di bitcoin tra il 2011 e il 2013. Ma la buona notizia è che non rimarrà così a lungo. Dopo una prima vendita all’inizio di marzo, ha in programma di continuare la liquidazione di 41.490 BTC fino alla fine dell’anno a beneficio del Tesoro degli Stati Uniti.

Il governo statunitense liquiderà oltre 41.490 BTC

Secondo un documento del tribunale del 31 marzo, il governo degli Stati Uniti ha proceduto a alla vendita di 9.861 bitcoin il 14 marzo 2023 per oltre 215 milioni di dollari attraverso la piattaforma di scambio Coinbase. Ha in programma di fare lo stesso quattro volte nel corso dell’anno per liquidare l’ingente saldo rimanente di 41.490 BTC.

Un modo per controllare l’impatto di questi grandi volumi di vendita sul prezzo dell’attività. Secondo CNBCLa vendita è condotta sotto gli auspici della United Marshals Serviceun’agenzia di polizia legata al Dipartimento di Giustizia, in coordinamento con altre agenzie federali e società specializzate. Nelle vendite precedenti, il governo degli Stati Uniti ha utilizzato Anchorage, la prima banca di asset digitali con statuto federale negli Stati Uniti, come uno dei suoi agenti. Ha anche utilizzato BitGo, un depositario di criptovalute con licenza ufficiale.

Questa volta non ci sono dettagli, né sulla natura delle transazioni. Per intenderci: Operazione OTC (senza intermediari tra venditore e acquirente) – nel 2014 il “venture capitalist” Tim Draper ne ha approfittato per riacquistare 30.000 BTC – oppure utilizzando il TWAP Coinbaseuna strategia che prevede l’esecuzione regolare di operazioni in un determinato periodo per ottenere un prezzo medio.

Una perdita di entrate per il governo degli Stati Uniti?

Se da un lato le autorità stanno evitando di vendere quantità massicce di bitcoin in una sola volta per non pesare sul prezzo dell’asset, dall’altro non stanno nemmeno cercando di venderlo al massimo. A cruscottoindividuato da Blocco fabbricache segue le aste di bitcoin del governo americano, stima che più di 5 miliardi di dollari di perdite dovute a vendite premature dell’asset.

La regola implicita è che le monete sequestrate vengono rapidamente scambiate in dollari non appena il processo si conclude ufficialmente. Il denaro raccolto viene poi depositato nel Fondo per la confisca del Tesoro o del Dipartimento di Giustizia e destinato a vari progetti governativi.

Il sulfureo fondatore di Tron, Justin Sun, sempre alla ricerca di chicche e di un’altra provocazione, si è offerto di acquistare l’intero lotto di BTC con uno sconto del 10% per un’operazione OTC. Non proprio in regola con la SEC statunitense, che lo sospetta di manipolazione fraudolenta.Una risposta positiva alla sua proposta è improbabile.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.