Ethereum: la prova generale del grande cambiamento – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 2 minuti
4.7/5 - (20 votes)

Dalla proof of work (PoW) alla proof of stake (PoS)La rete Ethereum subirà presto un’importante modifica per migliorare la sua velocità e la sua capacità di supportare progetti blockchain più solidi. La rete sarà anche più efficiente e meno costosa da utilizzare.

“La fusione”Il Merge, la più grande modifica alla blockchain di punta di Web3, trasformerà Ethereum in Ethereum 2.0. Dopo anni di attesa, le varie fasi di preparazione sono culminate ieri sera in un test di fusione su larga scala. La fusione è stata simulata su una rete di prova. A pieni voti.

Questa prova generale, a cui molti sviluppatori interessati hanno potuto assistere intorno alle 2 di notte in Francia, è la prova che l’operazione “The Merge” non avrà alcun problema tecnico nel passaggio tra le due operazioni (PoW e PoS). La rete di prova “Goerli” potrebbe aver eseguito la fusione su una scala di rete molto più piccola, ma dimostra che il protocollo va bene.

Questa era la terza e ultima transazione prima della data fatidica. Per ora, l’arrivo di Ethereum 2.0 è previsto per il 19 settembre. Considerando l’importanza della rete Ethereum, che ospita quasi tutti i progetti della DeFi, l’hard fork “The Merge” sarà il cambiamento più importante nella storia delle criptovalute.

Anche in termini di vantaggi, i più esperti di The Merge concordano sul fatto che Ethereum potrebbe risultare più attraente per i professionisti che vogliono lanciare progetti sulla Blockchain.

C’è un motivo per cui Ether non ha subito il crollo dei prezzi delle criptovalute per molto tempo. “Gli investitori istituzionali potrebbero essere più inclini a investire nello spazio delle criptovalute”. dopo il passaggio a Ethereum 2.0, ha commentato Vance Spencer, cofondatore di Framework Ventures.

Ma l’operazione non sarà priva di pericoli. Le modifiche al funzionamento delle blockchain richiedono competenze tecniche avanzate, poiché i rischi sono numerosi. In particolare, è il caso delle “forchette durerispetto ai “soft fork”, in cui non si tratta di semplici aggiunte di nuove regole di consenso al funzionamento della blockchain, ma di un cambiamento totale del funzionamento, non compatibile all’indietro.

Come avrete capito, un hard fork che va male può causare la divisione di una blockchain in due parti. L’esempio più popolare ad oggi riguarda l’arrivo di Bitcoin Cash nel dicembre 2017, quando il Bitcoin doveva subire un hard fork per migliorare la velocità di elaborazione delle transazioni.

Per acquistare criptovalute:   

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.