Crisi dei minatori – A “venti contrari persistenti” Cosa ci guadagna il prezzo del Bitcoin? – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 3 minuti
4.7/5 - (17 votes)

L’attuale situazione del mercato delle criptovalute non risparmia ovviamente il Bitcoin. Questo nonostante sia una delle criptovalute più resistenti al mondo, con un calo di “solo” il 67% nell’ultimo anno. E, checché ne pensino i massimalisti di questa rete, uno stato di cose direttamente legato al collasso dell’ecosistema Terra Classic e lo spettacolare fallimento della piattaforma centralizzata FTX.

Perché anche al di sopra della mischia, Bitcoin non può estraniarsi dall’economia digitale che ispira. Un fatto che viene dolorosamente verificato dai minatori della sua rete decentralizzata, alcuni dei quali sono stati recentemente quotati in borsa. Perché secondo gli ultimi dati disponibili, avrebbero liquidato tutte le loro scorte di BTC estratti nel corso dell’ultimo anno.. Ma cosa significa questo per il prezzo del Bitcoin?

Miniere

Fallimento – Il gigante del mining di Bitcoin Core Scientific presenta istanza di fallimento

Hugh B. – 21 dic 2022 – 09:30

Nell’elenco dei fallimenti che hanno interessato il settore delle criptovalute, ecco […]Per saperne di più

Bitcoin – il 100% dei minatori ha tentato la fortuna

È sempre più significativo basare le proprie affermazioni sui numeri, piuttosto che su una semplice impressione. Ecco perché Tom Dunleavyricercatore e analista per la struttura Messari Cryptoha recentemente pubblicato un tweet sui minatori di BTC. E la loro situazione non è sicuramente buona nel cuore di questo mercato orso il cui fondo sembra sempre più basso del previsto. Con la prima dichiarazione ufficiale di fallimento di Core Scientific, uno dei giganti di questo settore. E una massiccia rivendita degli asset in BTC detenuti da queste società che sembra accelerare dallo scorso maggio.

I minatori di BTC hanno venduto quasi il 100% delle monete estratte. In dettaglio, i 10 minatori di bitcoin quotati in borsa ha estratto ~40,7k BTC e ne ha venduti ~40,3k nel 2022. Questo è un vento contrario persistente per il Bitcoin e per questo motivo è una buona tesi per essere rialzisti sul trading della coppia ETHBTC.

Tom Dunleavy

Infatti, secondo i dati pubblicati da Tom Dunleavy, le 10 principali società di estrazione di Bitcoin quotata in borsa sembra che abbiano venduto quasi tutte le loro scorte di BTC prodotte nel 2022. Ovvero: Core Scientific, Riot, Bitfarms, Cleans Park, Marathon, Hut8, HIVE, Iris Energy, Argo e Bit Digital. Questa situazione dimostra la portata dell’attuale crisi del settore. E allo stesso tempo, secondo questo analista, un “vento contrario persistente”. il cui alito gelido non va certo nella direzione di un auspicato ritorno al rialzo. Tanto che la coppia ETHBTC è un’opzione molto interessante da tenere d’occhio, secondo chi scrive.

Ethereum

Retromarcia della CFTC: uscita da Ethereum, solo il Bitcoin è una commodity

Nathalie E. – 04 dic 2022 – 10:28

In un’apparente inversione di rotta, Rostin Behnam, il capo della CFTC […]Per saperne di più

Bitcoin mining: vento contrario o raffica stagionale?

Una descrizione della situazione attuale che ancora una volta rientra nella cartella degli scenari allarmistici. Uno stato di cose che l’ex capo della piattaforma BitMEX chiaramente non condivide, Arthur Hayes. Per Hayes, infatti, le infauste previsioni del tempo di Tom Dunleavy sono una semplice folata di vento passeggera come quella che il mercato dei Bitcoin ha sperimentato in passato..

Infatti, la pressione a vendere che questa massiccia rivendita di BTC da parte dei minatori potrebbe esercitare è, secondo Arthur Hayes, un mero aneddoto senza conseguenze realmente significative. Una posizione che non ha mancato di chiarire in un post sul blog pubblicato il 9 dicembre. E in cui spiega che ” anche se i minatori vendessero tutti i Bitcoin che producono ogni giorno, non avrebbero praticamente alcun impatto sui mercati” . Perché secondo i dati disponibili, al 26 dicembre il volume di scambi di Bitcoin era di 12,2 miliardi di dollari. E la rivendita di BTC da parte dei minatori è stata di “solo” 919 unità (15,35 milioni di dollari). Si tratta di un aneddotico 0,13% del volume totale scambiato..

Bitcoin

Bitcoin – La capitolazione dei minatori è (ancora) necessaria?

Hugh B. – 27 ottobre 2022 – 12:00

Il Bitcoin è appena tornato al di sopra dei 20.000 dollari e tutti […]Per saperne di più

Ciononostante, non si dovrebbe trascurare troppo rapidamente la l’impatto che potrebbe avere un aumento significativo del costo dell’elettricità sull’industria mineraria di BTC. Questo perché non è stato un fattore nei precedenti scenari di capitolazione nella breve storia del Bitcoin. E al momento non ci sono prove che il suo prezzo non possa scendere ulteriormente.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.