Analisi di Ethereum – Finalmente un rimbalzo tecnico in vista? – Notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.9/5 - (15 votes)

Le notizie sulle criptovalute sono state ancora una volta frenetiche. La piattaforma di prestito di criptovalute Celsius ha infatti presentato istanza di protezione per bancarotta ai sensi del Capitolo 11 negli Stati Uniti. Ma poiché questo rischio è noto da tempo, non stiamo assistendo a reazioni intempestive sui prezzi delle principali valute digitali.

Il mercato delle criptovalute ha reagito curiosamente bene all’annuncio dell’inflazione statunitense di giugno e al suo nuovo massimo storico in oltre quattro decenni. In quanto tale, ha permesso a Ethereum di allontanare ancora una volta la minaccia di scendere sotto i 1.000 dollari.. Un livello che si aggira intorno alla metà di giugno.

L’ultima analisi tecnica mostra che il mercato orso dell’ETH sta ancora segnando il passo. Ma nonostante ciò, i prezzi rimangono fermi ai blocchi di partenza. Ci si chiede se il rimbalzo tecnico auspicato dagli investitori possa essere nuovamente rimandato.. Oppure, il possibile timore di un ritorno a prezzi a tre cifre che rovinerebbero seriamente la stagione estiva.

Ethereum – Il supporto a 1000 dollari è ancora in sospeso

In assenza di una vera e propria impennata, I prezzi di Ethereum riescono a mantenere il supporto critico e simbolico dei 1000 dollari. E forse per la quinta settimana consecutiva, allo stato attuale delle cose. Ma anche se questo è un segno che la pressione al ribasso si sta indebolendo, è chiaro che l’appetito degli acquirenti è ben lungi dall’essere presente.

Inizialmente, questa stabilità dei prezzi del PF da metà giugno non fornisce alcuna indicazione importante sull’evoluzione del mercato ribassista iniziato dall’ultimo ATH di novembre 2021. Tuttavia, Se questa situazione dovesse protrarsi ancora per qualche settimana, il rischio di un movimento violento in entrambe le direzioni potrebbe aumentare. E o assisteremo a un grande rimbalzo tecnico, o a un ritorno ai supporti precedenti che quasi annullerebbe l’ultima corsa dei tori.

In ogni caso, la seconda onda ribassista dopo l’ultimo fallimento al di sotto della resistenza di 3400 dollari, che ha sicuramente innescato la fase 4 di Weinstein, sta sparando su tutti i cilindri. E per una questione di tempo, la media mobile a 30 settimane (MM30 settimanale) continua la sua discesa verso la parte inferiore dell’ultima gamma o canale orizzontale. Allo stesso tempo, diventa più ripida della linea di discesa.

Ethereum – Triplo fondo in vista?

Dopo aver abortito il doppio fondo, Ethereum potrebbe tornare in pista con la prospettiva di un triplo fondo. Tuttavia, il MACD e l’RSI non hanno il fiato per attraversare le rispettive linee di galleggiamento. Se entrambi gli indicatori tecnici dovessero tornare a scendere, si riaffaccerebbe per l’ennesima volta la minaccia di scendere sotto il supporto di 1.000 dollari.

Analisi giornaliera dei prezzi di Ethereum - 14 luglio 2022

Al contrario, Se il triplo fondo dovesse essere convalidato, questo segnale tecnico segnerebbe la fine di una lunga serie nera iniziata all’inizio di aprile. Da un lato, sarebbe probabilmente accompagnato da un MACD e un RSI al di sopra della linea dello zero e della zona di neutralità a 50 rispettivamente. D’altro canto, Ethereum sfonderebbe la resistenza di 1250 dollari per raggiungere quella successiva a 1400 dollari. E infine quello di 1700 dollari, un livello che era stato rotto dal 10 giugno.

Questo rimbalzo, che potrebbe essere previsto a favore di un allentamento dei principali rischi sui mercati finanziari, non favorirebbe di gran lunga un’imminente capitolazione dei venditori. Per l’appunto, i prezzi rimarrebbero comunque al di sotto della media mobile a 200 giorni e della linea discendente.

ETH – Quando potrebbero tornare i venditori?

Se il grafico giornaliero dovesse riuscire a confermare il pattern grafico in vista per una volta, ci muoveremmo verso una pausa nel mercato orso di Ethereum dall’ultimo ATH del novembre 2021. E anche se nulla è scontato, il violento calo dei prezzi delle materie prime delle ultime settimane potrebbe calmare le pressioni inflazionistiche nei prossimi mesi. Soprattutto perché l’effetto base rispetto all’anno scorso sarà probabilmente meno pronunciato.

Massimale sui tassi obbligazionari. Possibile calo dell’inflazione. Banche centrali un po’ meno restrittive nella loro politica monetaria. Questi catalizzatori, se anticipati nel breve termine, contribuirebbero a un rimbalzo tecnico delle classi di attività rischiose.. Questo vale soprattutto per le criptovalute, che hanno sofferto enormemente dall’inizio dell’anno.

Per quanto riguarda Ethereum, gli attuali prezzi quotati sembrerebbero essere sottovalutati secondo i dati analitici di Crypto Quant. Si tratta di una buona notizia, poiché la resistenza di 2.300 dollari si trova a un centinaio di dollari dal prezzo medio di ingresso per gli stackers (investitori che bloccano il loro ETH in un portafoglio digitale).

Se Ethereum dovesse raggiungere la parte inferiore del suo ultimo range, questo potrebbe rappresentare l’obiettivo ideale per i venditori per consolidare il mercato ribassista in corso. e quindi a vanificare le speranze di un’inversione di tendenza favorevole. In tal caso, la tanto attesa capitolazione porterebbe la seconda valuta digitale verso il prossimo supporto a 700 dollari, o addirittura a 450 dollari.


Il trading di criptovalute comporta un elevato livello di rischio e potrebbe non essere adatto a tutti. Si raccomanda di informarsi bene sui rischi associati e di investire solo le somme che ci si può permettere di perdere.

Il contenuto del sito web Notiziecriptovalute.it ha finalità esclusivamente educative e informative. Non costituisce una raccomandazione e non può essere considerata un incentivo alla negoziazione di strumenti finanziari.

Notiziecriptovalute.it non garantisce i risultati o la performance degli strumenti finanziari presentati. Pertanto, non ci assumiamo alcuna responsabilità per l’uso di queste informazioni e le relative conseguenze.

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.