Analisi del Bitcoin – Minaccia imminente sotto i 20.000 dollari? – notiziecriptovalute

⌛ Tempo di lettura : 4 minuti
4.7/5 - (16 votes)

In attesa dei dati sull’occupazione negli Stati Uniti, che saranno resi noti nel pomeriggio, il Bitcoin ha quasi annullato il suo rimbalzo tecnico da metà giugno. Ora non è lontano dai minimi dell’anno. Tanto che prevediamo una ripresa del mercato ribassista dall’ultimo ATH del novembre 2021.

L’idea di vedere la prossima ondata di correzione inizierebbe a farsi strada. Dopo la prima da novembre 2021 a gennaio 2022 e la seconda da aprile a giugno 2022, i prezzi del BTC potrebbero iniziare una terza sotto il segno della capitolazione. Tanto che molti investitori lo temono.

 

Inoltre, l’ultima analisi tecnica sottolinea che i venditori stanno riemergendo con forza dopo l’ultimo fallimento sotto la resistenza di 26.000 dollari. Questo purtroppo rimetterebbe in gioco l’imminente minaccia al di sotto del supporto di 20.000 dollari.

Bitcoin in unità settimanali – i venditori hanno confermato il loro ritorno

Con l’arresto del mercato ribassista del Bitcoin dopo l’ultimo ATH del novembre 2021, il ritorno dei venditori era solo una questione di tempo. E con grande dispiacere degli investitori in criptovalute, è chiaro che i guadagni di quest’estate si sono ridotti a nulla. Ora i prezzi del BTC sono a un bivio.

Analisi settimanale dei prezzi del Bitcoin - 02 settembre 2022

In primo luogo, sono al supporto di 20.000 dollari e allo stesso tempo si stanno allontanando dalla linea discendente. In secondo luogo, gli indicatori tecnici hanno difficoltà a tornare in pista verso le rispettive linee di galleggiamento. Che ci piaccia o no, questi segnali tecnici sfavorevoli rafforzano più che mai la Fase 4 di Weinstein dopo l’ultimo fallimento sotto la resistenza di 46.000 dollari.

 

Come prova, l’ultimo rimbalzo tecnico non ha fermato la spinta al ribasso della media mobile a 30 settimane (MM30 settimanale). Soprattutto perché presto scenderà sotto la resistenza dei 30.000 dollari. Pertanto, finché non vedremo una stabilità simultanea del prezzo del Bitcoin e del MM30 settimanale, l’inversione di tendenza non sarà attuale.

Bitcoin in unità giornaliere – Ultimo tentativo di rimbalzo da 20.000 dollari?

Il fatto che il Bitcoin sia praticamente tornato sui minimi dell’anno ha come conseguenza la sfida al triplo fondo estivo. Perché proprio il sostegno di 22.000 dollari non è durato a lungo. Ora riteniamo che i prezzi siano alla ricerca di potenziali catalizzatori per rimbalzare o rompere il supporto di 20.000 dollari.

Guardando gli indicatori tecnici al momento, c’è la volontà di fermare questa spirale ribassista che ha preso forma da metà agosto. Ma Dato che l’RSI rimane al di sotto della zona di neutralità a 50 e non è in fase di vendita, abbiamo molto spazio per superare la soglia dei 20.000 dollari.

Così come il settimanale MM30, la media mobile a 200 giorni (MM200 daily) continua la sua tendenza al ribasso. Questo sarebbe un vantaggio per i venditori. In ogni caso, si aprirebbero due scenari. Il primo è l’ultima possibilità di rimbalzo sul supporto di 20.000 dollari. Con l’obiettivo che i prezzi del BTC tornino rapidamente verso 22.000 dollari per attaccare la resistenza di 26.000 dollari.

 

Per quanto riguarda il secondo, la rottura del sostegno di 20.000 dollari innescherebbe una terza ondata di correzione, e quindi una ripresa del mercato ribassista dall’ultimo ATH del novembre 2021. Questo porterebbe la moneta digitale di Satoshi Nakomoto verso il supporto di 12.000 dollari. Soprattutto perché i target intermedi per raggiungere questo obiettivo si rivelerebbero fragili nelle unità giornaliere.

BTC – Speranza di un indebolimento del dollaro nonostante la minaccia sotto i 20.000 dollari?

Anche se la minaccia di un supporto al di sotto dei 20.000 dollari si sta avvicinando per il Bitcoin, il rialzo del Dollar Index (DXY), che lo ha penalizzato dall’inizio dell’anno, potrebbe subire l’inizio di una fase di debolezza. Infatti, nonostante i nuovi massimi dell’anno, notiamo divergenze ribassiste, ovvero prezzi in aumento mentre il MACD e l’RSI fanno registrare massimi sempre più bassi.

Analisi settimanale dei prezzi dell'Indice Dolare - 02 settembre 2022

Tuttavia, un consolidamento dei due indicatori tecnici sul DXY verso le loro linee di galleggiamento offrirebbe una tregua per il Bitcoin ma non un’inversione di tendenza. Dati economici statunitensi più deboli del previsto potrebbero diventare catalizzatori di un calo del dollaro. Da qui la grande attesa per gli ultimi dati sull’occupazione e sull’inflazione che saranno resi noti tra circa 10 giorni.

Inoltre, potremmo vedere la stretta monetaria della BCE raggiungere quella della FED. E per questo motivo, l’euro riacquisterebbe un po’ di colore nei confronti del dollaro. Ciò favorirebbe un’impennata a breve termine degli indici azionari e delle criptovalute. Questo ritarderebbe la ripresa dei loro mercati orso.

 

 

Protected by Copyscape

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *